Caricamento in corso...
26 luglio 2012

Un oro a Londra prima di sparire: otto province ci provano

print-icon
luc

Lucia Bosetti e la sorella Caterina sperano di portare alla provincia di Varese la prima medaglia d'oro olimpica della storia

Da Pordenone a Ragusa, scrive il Sole 24 Ore , 35 province italiane non hanno mai conquistato la medaglia più preziosa. Grazie a Magnini, Fei e le sorelle Bosetti, alcune potrebbero sbloccarsi. Prima che la spending review ne rivoluzioni i confini

Province a caccia d'oro. E per una volta non è l'effetto dei tagli. Il conto riguarda infatti le medaglie olimpiche: per 35 province italiane, il gradino più alto del podio finora è rimasto un sogno. La geografia della gloria a cinque cerchi, disegnata dal Sole 24 Ore, è dominata da Milano, con 57 ori, contro i 32 della provincia di Napoli e i 31 di quella (ben più piccola) di Livorno.

Per le province fuori da questa classifica, Londra è l'opportunità per far sentire la propria voce nello sport che conta. Proprio ora che la spending review è pronta ad abolire decine di province e rivoluzionare i confini delle altre. Ecco le otto che hanno le maggiori possibilità di arrivare al tanto sospirato oro olimpico.

VARESE - La provincia lombarda, che rischia di essere accorpata a Como, ha spedito a Londra ben sei atleti con chance di arrivare all'oro. Romina Laurito ci proverà insieme alle Farfalle azzurre della ginnastica ritmica. Le sorelle Bosetti - Caterina e Lucia - sono invece pronte a murare le avversarie per arrivare al gradino più alto della pallavolo, così come Alessandro Fei tra gli uomini. A Michele Frangilli da Gallarate l'oro è l'unica medaglia che manca, dopo bronzo e argento nel tiro con l'arco tra Atlanta e Sydney. Un altro veterano come Elia Luini - argento nel 2000 - ci proverà invece nel canottaggio.

PORDENONE -
A tenere alto l'onore friulano dovrebbe pensare Daniele Molmenti, campione europeo in carica del K-1 e una delle principali speranze d'oro per la canoa azzurra a Londra.

PESARO -
L'acqua potrebbe portare il primo oro anche alla provincia di Pesaro (tra quelle che dovrebbero sopravvivere alla spending review): non sarà facile per Filippo Magnini, che nei suoi 100 stile avrà di fronte un "mostro" come Magnussen.

IMPERIA - Sempre in piscina sono riposte le speranze di Imperia, provincia che pare destinata a unirsi a Savona. A riportare un oro in Liguria potrebbero essere le pallanotiste Giulia Emmolo e Giulia Gorlero. Nel volley, è pronto a colpire Simone Parodi, schiacciatore da Sanremo.

PERUGIA - La pallavolo è invece l'unica risorsa per Perugia, che manderà a Londra Andrea Giovi e Ivan Zaytsev.

ASCOLI PICENO - E se fosse un'altra provincia marchigiana ad entrare nella classifica delle medaglie d'oro? Quel che è certo è che il tiro a volo è per tradizione un gran serbatoio di medaglie azzurre. E l'ascolano Massimo Fabbrizi è tra i favoriti della Fossa Olimpica.

BRINDISI - Più a Sud ci si prova nel taekwondo. Con Carlo Molfetta, over 80 kg nativo di Mesagne, che proverà a migliorare l'argento conquistato da Mauro Sarmiento a Pechino (tra i -80 kg).

RAGUSA
- La provincia più a Sud d'Italia conta su un exploit di Luca Marin, che però ha poche chance d'oro contro Phelps e Lochte. E allora la sorpresa potrebbe essere Giorgio Avola, selezionato per il fioretto a squadre.

Tutti i siti Sky