Caricamento in corso...
28 luglio 2012

Ciclismo, è già caccia all'oro: tutti contro Cavendish

print-icon

Nella prova in linea Cannonball è l'uomo da battere. Ma occhio agli avversari, con Sagan e Greipel in gran forma. L'Italia parte da outsider, con Viviani e Modolo per la volata e Nibali per provare da lontano. Bronzini tra le favorite della gara femminile

Un tempo non avrebbero avuto speranze. Oggi, dopo il dominio sul Tour, sono gli inglesi gli uomini da battere. Anche su strada. E il fattore-campo è l’ultima delle ragioni. Certo, correre in casa aiuta, ma ancor più aiuta avere come capitano il velocista più forte, Mark Cavendish. È lui il chiaro favorito per la prova in linea maschile di oggi: il campione del mondo correrà su un percorso che sembra fatto su misura per lui. E avrà come gregari niente meno che Bradley Wiggins e Chris Froome, i primi due del Tour de France.

"Il nostro è un dream team”, ha detto Cavendish. Che spera di vedere il trionfo del Team Sky al Tour ripetersi anche nel ciclismo a cinque cerchi. Guai però a pensare a un pronostico scontato e a una gara dall’epilogo inevitabile. Prima di tutto per una ragione tecnica: le squadre non sono di nove unità come al Tour, ma al massimo di cinque. E questo renderà più difficile a tutti, anche agli inglesi, tenere la corsa cucita in vista dello sprint finale.

E poi ci sono gli avversari, il meglio del ciclismo mondiale. A partire da Peter Sagan, lo slovacco rivelazione degli ultimi due anni: scaltro come un veterano e sfrontato come indicano i suoi 22 anni, è il principale rivale per Cavendish. Ancor più se deciderà di non attendere lo sprint e proverà un’azione nel finale. Un obiettivo – evitare il volatone – che Sagan condivide con gran parte degli altri favoriti: dagli specialisti del pavé Cancellara e Boonen (entrambi reduci da infortuni) al norvegese Boasson Hagen, fino al belga Gilbert, per la verità un po’ in crisi.

Tutti i siti Sky