Caricamento in corso...
06 agosto 2012

Niccolò: "Andrò a Rio". Matteo: "La medaglia che mancava"

print-icon

Altri due azzurri a medaglia e arrivano i complimenti del presidente del consiglio Monti: "Complimenti, continuate così". Campriani, oro nella carabina, contiene la gioia e pensa al futuro. Morandi, terzo agli anelli, dedica il bronzo alla figlia Gaia

Arrivano altre due medaglie per l'Italia e arrivano anche i complimenti del presidente del consiglio Mario Monti: "Complimenti, continuate così...". Monti ha telefonato al presidente del Coni, Gianni Petrucci, per congratularsi per i risultati degli azzurri alle Olimpiadi. "Vi seguo - ha aggiunto Monti -, faccia i complimenti a tutti gli atleti, i tecnici e i dirigenti della delegazione".

Campriani: "Voglio esserci a Rio 2016" -
"Forse è presto per pensarci ora, ma voglio andare anche a Rio 2016". Niccolò Campriani ha vinto uno storico oro nella carabina (mai prima era riuscito al tiro azzurro, pur essendo disciplina vincente), ma già guarda avanti. "Forse da oggi qualcuno in più in Italia sa che esiste il tiro a segno - le sue parole a Sky - e che queste sono armi sportive e molto sicure. Io dico alla gente: 'provate, se poi non vi piace potete tornare sempre a praticare il calcio'". "Ho fatto tutto quello che potevo, ho cercato di non lanciare niente al caso, di andar via senza rimpianti", ha poi raccontato Campriani. L'atleta fiorentino sorride, cercando di contenere felicità e soddisfazione. "Ci sarebbe tanto da raccontare - ammette - ma quando sei lì che ti muovi davanti a un bersaglio di 50 metri, cerchi solo di non sbagliare. Ed è quello che ho fatto io. Sono stato bravo e fortunato. Devo ringraziare i miei genitori, senza i quali non sarei qui, mio fratello, il Gs Fiamme gialle, la Federazione, dovrei citare tante persone. Anche se questo è uno sport individuale dovrei ringraziare davvero tante persone".

Morandi: "Dedico la medaglia a mia figlia Gaia" - "Mancava questa medaglia nella mia carriera, sono contentissimo di averla conquistata. All'inizio ero un po' tirato, ma in seguito sono riuscito a rimanere più tranquillo". Così Matteo Morandi ai microfoni di Sky, subito dopo essersi messo al collo la medaglia di bronzo negli anelli. L'atleta di Vimercate ha dedicato il proprio podio alla figlia Gaia, di 10 mesi, lanciandole un messaggio: "In questo momento è troppo piccola per capire, ma da grande si renderà conto che le voglio un mondo di bene". Poi, sulla prova odierna: "Ci ho messo un po' di cattiveria, la forza non mi manca. Pensavo che non potesse mancarmi proprio in questo momento. Forse all'arrivo ho fatto un saltello, ma va bene così. Riguardando l'esercizio noterò un sacco di difetti. L'uscita non è mai così scontata; in ogni caso, meglio il passettino del passettone, o mettere addirittura giù le mani".

Tutti i siti Sky