Caricamento in corso...
31 gennaio 2014

Bob, il "peso massimo" Holcomb prenota la medaglia

print-icon
bob

La squadra americana di bob a quattro (Foto Getty)

-7. Nelle navicelle che sfrecciano sul ghiaccio l'americano è ancora il più forte, ma c'è uno svizzero che può contendergli l'oro. Tra le donne è iniziata l'era di Kaillie Humphries, ma l'americana Meyers deve vendicarsi della Coppa del Mondo

di Francesco Giambertone

La nazionale di bob più conosciuta del mondo è quella giamaicana. Risulta simpatica a tutti. Perché non vince. Se contendesse le medaglie olimpiche agli americani, ai canadesi o ai tedeschi, sicuramente non tutti la vedrebbero così di buon occhio. Purtroppo - o per fortuna loro - non è così: a Sochi quelli che possono davvero portare a casa un metallo pesante non sono molti. Su tutti, l'enorme Steven Holcomb e la biondissima Kaillie Humphries, campioni del mondo di bob a due. In quello a quattro le cose vanno un po' diversamente. Ma i protagonisti da tenere d'occhio sono questi.

Steven Holcomb



La storia di questo ex militare nato nello Utah 34 anni fa è da lacrimoni. Per anni è stato uno sciatore professionista, poi ha provato il bob quasi per caso ed è in fretta diventato il più bravo d’America. Una malattia alla cornea lo aveva reso quasi cieco, ma con un’operazione che ha poi preso il suo nome il problema è stato risolto quasi del tutto. Steven è quasi imbattibile: a Vancouver vinse l’oro soltanto nella prova a quattro, ma adesso è il più forte nel bob a due. Quest’anno ha vinto 5 gare su 8 in Coppa del Mondo. Scommettere su di lui vi farà guadagnare, ma non molto.


Beat Hefti



Il veterano svizzero partecipa alla sua quarta Olimpiade. Nelle precedenti edizioni ha portato a casa tre medaglie di bronzo: una a Salt Lake City, dodici anni fa, e due a Torino 2006. Da quando il tedesco Andrè Lange si è ritirato, anche per Beat sono aumentate le probabilità di tornare a medaglie. In Coppa del Mondo quest’anno è andato sul gradino più alto del podio a due per due volte, e quattro volte si è piazzato secondo. Un’ipoteca sull’argento l’ha già messa. Magari anche sull’oro.


Kaillie Humphries



La canadese nata a Calgary, un luogo non qualsiasi per le Olimpiadi, è riuscita nell’impresa di buttar giù le tedesche dalla vetta del mondo del bob a due femminile dopo oltre un decennio di dominio. Dopo due Coppe del Mondo di fila negli ultimi due anni – l’ultima vinta a fine gennaio per un solo punto! - Kaillie vuole replicare l’oro conquistato in casa quattro anni fa. Per riuscirci non le manca niente.


Elana Meyers



Per la trentenne statunitense non dev’essere stato facile mancare la sua prima Coppa del Mondo per un nulla. Più precisamente, un punto: 1629 a 1628 e addio sogni di gloria. Le Olimpiadi di Sochi sono l’occasione migliore per servire il piatto della vendetta ancora caldo. Il bronzo a due di quattro anni fa è un punto di partenza da cui Elana vuole spiccare il volo. E dimostrare al mondo di poter essere la “Holcomb donna” del bob americano.

Tutti i siti Sky