Caricamento in corso...
12 febbraio 2014

Giochi strani: bilinguismo, il segreto dell'hockey lettone

print-icon
ted

Ted Nolan, coach della nazionale di hockey maschile della Lettonia (Foto Getty)

Le curiosità di giornata. "I miei giocatori hanno un vantaggio, parlare lettone e russo", così il coach Nolan spiega l'arma in più della sua squadra. E lo snowboarder Podladtchikov: "Io su Vogue? Mai, ma scatterei una foto a Kate Moss..."

Quinta giornata a Sochi per le Olimpiadi invernali. Quarta giornata anche di stranezze e curiosità. Ecco quelle imperdibili di oggi, a partire da alcune stravaganti affermazioni:

Hockey. Ted Nolan, capo allenatore della Lettonia sull'arma segreta della sua squadra.
"Possono parlare russo, ma i russi non possono parlare lettone, quindi è un vantaggio che abbiamo. Non troppe persone conoscono la lingua".

Curling. Lo skip norvegese Thomas Ulsrud si prepara ad andare nello spogliatoio dopo aver pagato a caro prezzo l'errore della sua squadra nella vittoria per 8-5 sulla Germania.
"Non vedo l'ora di andare nello spogliatoio. I ragazzi si incazzeranno un sacco per quello che ho sprecato al 9', ma io lo merito".

Snowboard. Lo svizzero Iouri Podladtchikov spiega come la medaglia d'oro vinta martedì nell'halfpipe non gli abbia dato testa alla testa .
"Mi hanno frainteso: io non voglio essere sulla copertina di Vogue. Sarebbe un grande sogno scattare una foto di Kate Moss, ma non certo essere sulle copertine".

Un po' di numeri:

- Alle 13 di oggi i "tweet olimpici" hanno superato quota 140mila. Di questi, oltre 45mila
presentano l'ashtag #SkyOlimpiadi.

- 47 edifici con appartamenti da 1 a 4 posti letto: questo il villaggio olimpico a Sochi. Il più fortunato tra gli inquilini a cinque cerchi è di sicuro il pattinatore statunitense Jason Brown, al suo esordio olimpico. La famiglia, i compagni di squadra e lo staff avevano "cospirato" con gli organizzatori per personalizzare il suo appartamento. Sopra al letto una sua gigantografia, suo ritratto in allenamento. Sulle altre pareti, invece, immagini dei famigliari e della sua infanzia. "Mi hanno fatto sentire davvero a casa", ha detto. Davvero?


Tutti i siti Sky