10 dicembre 2008

LeBron trascina i Cavs dei record, Raptors ancora al tappeto

print-icon
leb

Il prescelto, LeBron James, schiaccia sotto gli occhi di Cris Bosh. Per i Cavs è la diciannovesima vittoria di fila

Cleveland batte Toronto 114-94 per la diciannovesima vittoria consecutiva della squadra di James. Delude Bargnani: solo 8 punti in 31'. Quarta vittoria di fila per Orlando. Ok anche Spurs e Suns. Ko Knicks, Lakers e Pistons

Per battere Re LeBron nella sua corte, nessuno si aspettava potesse bastare un Mago. Il Mago, al secolo Andrea Bargnani, inizialmente inserito nel ruolo di centro nel quintetto di Toronto contro Cleveland, ha mandato a bersaglio otto punti, conditi da tre soli rimbalzi, una palla persa, e una stoppata subita. Bottino magro, considerando i trenta minuti di apparizione in campo, nella serata da record che ha acceso la Quicken Loans Arena. E quando parli di record riferiti ai Cleveland Cavaliers, il nome è uno solo, quello di Lebron James, passato in poche stagioni da Prescelto a Re, di una franchigia che ieri notte ha festeggiato la diciannovesima vittoria consecutiva (un record), Zydrunas Ilgauskas, il nuovo miglior rimbalzista nella storia dei Cavs (un record), e lo stesso Lebron James, che è salito in testa alla classifica di squadra dei palloni rubati (un altro record).

Il finale della partita, 114-94 a favore di Cleveland, parla di un oscuramento totale del Mago e di Chris Bosh, mentre dalla panchina Jay Triano ha bisogno di minuti da head coach, per trovare "soluzioni da head coach". I Cavaliers, invece, attendono ora che il dominio del Re si estenda oltre i confini dell'Ohio. I propositi di dominio della Eastern Conference sembrano già destinati a risolversi in una epica battaglia. Quella contro i Boston Celtics.

Quarta vittoria di fila per Orlando, terza forza a Est, che batte in trasferta Portland 109-108. Rashard Lewis (27 punti, 9 rimbalzi) e Hedo Turkoglu (24 punti) sono i migliori tra i Magic. Decide la partita una tripla di Turkoglu a 0"3 dalla sirena. I Magic restano al comando della Southeast Division. Stop per i Lakers, battuti a Sacramento 113-101. Kobe Bryant questa volta non basta. La stella dei Lakers fa il suo con 28 punti, 4 rimbalzi e 3 assist, mentre Pau Gasol mette a referto 25 punti e 12 rimbalzi. Per i Kings sei in doppia cifra: i migliori realizzatori sono John Salmons e Francisco Garcia con 21 punti a testa. Sacramento ha interrotto così una striscia negativa di otto sconfitte di fila. Un grande Shaquille O'Neal (35 punti, 8 rimbalzi) trascina al successo Phoenix contro Milwaukee 125-110. In evidenza anche Amare Stoudemire (22 punti) e Steve Nash (19 punti, 10 assist).

Ci sono voluti due supplementari a San Antonio per aggiudicarsi il derby texano con Dallas (133-126). Per gli Spurs il migliore è Tim Duncan con 32 punti, 14 rimbalzi e 4 assist. Bene anche Tony Parker con 29 punti e 10 assist. Per i Mavs in evidenza il solito grande Dirk Nowitzki: il tedesco chiude con 35 punti e 10 rimbalzi. Caron Butler (33 punti) e' invece il protagonista della vittoria di Washington contro Detroit. Per i Pistons, alla terza sconfitta consecutiva, bene Richard Hamilton autore di 29 punti. Sconfitta per i Knicks di Mike D'Antoni contro Chicago (105-100). Per i Bulls bene Drew Gooden con 22 punti e 16 rimbalzi. Per i newyorkesi in evidenza Al Harrington, autore di 28 punti. Esordio con sconfitta per coach Kevin McHale sulla panchina di Minnesota. I T'wolves, alla sesta sconfitta consecutiva, sono infatti battuti in casa da Utah 99-96. Houston batte invece Atlanta 92-84 grazie ai 24 punti e 19 rimbalzi di Yao Ming.

Tutti i siti Sky