13 dicembre 2008

Bargnani vince coi Raptors, Boston non si ferma più

print-icon
bar

L'italiano mette a segno 11 punti in ventotto minuti di gioco e Toronto espugna il campo dei New Jersey Nets. Periodo d'oro per Boston che centra il quattordicesimo successo consecutivo eguagliando il record dei Celtics del 1985-86

Andrea Bargnani contribuisce  con 11 punti al successo che i Toronto Raptors ottengono per 101-79 sul campo dei New Jersey Nets. Il lungo italiano parte dalla panchina e gioca 28'23". Impreciso al tiro (2/10 e 1/5 da 3), Bargnani mette a referto 7 rimbalzi, 1 assist e 4 stoppate. Nel tabellino, anche 3  falli. Toronto, con 6 uomini in doppia cifra, vince la decima gara in  22 partite di regular season.
Serata amara invece per Marco Belinelli. Gli 8 punti dell'ex giocatore della Fortitudo Bologna non servono ai Golden State  Warriors, che perdono 119-108 contro Houston e subiscono il 16° ko in 23 partite. Belinelli gioca 29'19" e chiude con 4/15 al tiro (0/6  da 3), 6 rimbalzi, 3 assist, 2 palle rubate e 3 falli.

Continua invece la striscia positiva dei Celtics, che hanno battuto in casa 94-82 i New Orleans Hornets e hanno centrato il 14° successo consecutivo. I campioni NBA hanno un record di 22 successi e 2 sconfitte, il migliore dell'intera lega. La striscia vincente eguaglia quella ottenuta dai Celtics edizione  1985-1986. La formazione di Doc Rivers punta ora al traguardo record  dei 18 successi di fila, primato ottenuto da Boston nella stagione  1981-1982.
Il coach, nel frattempo, si gode l'ennesima prestazione da  incorniciare di Paul Pierce (28 punti, 6 rimbalzi e 6 assist) e Kevin  Garnett (19 punti e 10 rimbalzi). Gli Hornets incassano il settimo  k.o. in 19 partite di regular season nonostante i 23 punti di David  West e i 20 di Chris Paul. Serata speciale per James Posey, che  contribuisce al bottino di New Orleans con 7 punti. L'ex giocatore dei Celtics, che ha lasciato Boston alla fine della scorsa stagione, tra  gli applausi del pubblico del TD Banknorth Garden riceve l'anello per  il titolo vinto a giugno.

Tutti i siti Sky