27 dicembre 2008

Uno straordinario Belinelli trascina i Warriors all'impresa

print-icon
bel

Belinelli durante Golden State-Boston

L'ex fortitudino firma 22 punti con ottime percentuali al tiro e Golden State batte i campioni in carica di Boston. Bene anche Bargnani, in ripresa con Toronto, che mette a segno 14 punti nel successo dei Raptors contro Sacramento

Marco Belinelli non si ferma più. Dopo aver infilato una serie di numeri da record (i 27 punti contro Atlanta della scorsa settimana sono il suo massimo in carriera), grazie ai quali sta ripagando la (tardiva) fiducia dello staff dei Golden State Warriors, l'ex fortitudino mette la firma anche sulla vittoria contro i Boston Celtics. Per i campioni è il secondo ko di fila dopo quello con i Lakers. Il cestista azzurro parte ancora nel quintetto titolare e mette a referto 22 punti in 43', con 7/17 dal campo e 4/4 nei liberi. E poi ancora 5 palle perse, 4 assist, 2 recuperi e 1 rimbalzo. Senza dimenticare che ai Warriors mancavano ancora Corey Maggette e Jamal Crawford, oltre a Monta Ellis. Nonostante tutto, però, sono stati capaci di una bella vittoria in rimonta, partendo anche da un -14 (53-39 ad inizio terzo quarto). Sul 56-42, dopo un paio di minuto al rientro dall'intervallo, proprio Belinelli guida la rimonta con 5 punti (una tripla e una doppia) firmandone altri 6 nel finale del tempo (due triple, 72-64 per Boston). A questo punto i Celtics si fanno praticamente da parte fino alle ultime battute dell'incontro (87-83 a 2'30") quando Watson e poi Turiaf e Jackson dalla lunetta, regalano una bella vittoria ai Warriors. Miglior marcatore dell'incontro è Jackson per i Warriors, con 28 punti (7/7 dalla lunetta) mentre Pierce, per Boston, non fa meglio di 21 punti. Da segnalare anche la doppia doppia di Rondo con 11 punti e 10 rimbalzi.

Benissimo Belinelli, quindi, bene Andrea Bargnani con i Raptors. I canadesi, infatti, vincono a Sacramento contro i Kings, 107-101, con il romano che parte dalla panchina e mette insieme poco più di 21'. Con 4/5 dal campo, 4/5 dalla lunetta e 2/2 da tre punti segna 14 punti. Protagonista assoluto per Toronto è Jermaine O'Neal con 36 punti, 15/19 dal campo, 9 rimbalzi e 2 assist. Oltre a Bargnani e O'Neal in doppia cifra anche Bosh, Kapono e Calderon. Per Sacramento inutili i 20 punti di Salmons e Miller. Vittoria sulla sirena dei Pistons contro Oklahoma City Thunder. Detroit vince 90-88, ma a 8" dalla sirena il punteggio era ancora sull'88-88. Decide un canestro allo scadere di Iverson. Nelle altre partite Memphis batte Indiana 108-105 schierando un Mayo in grande spolvero (18 punti, 7 assist, 8 rimbalzi), Minnesota regala la prima vittoria a coach McHale battendo New York in trasferta 120-107, mentre Charlotte batte i New Jersey 95-87.

Tutti i siti Sky