24 gennaio 2009

Sorridono Gallinari e Bargnani, Knicks e Raptors ok

print-icon
new

Un momento della sfida tra i New York Knicks e Memphis

Il "Gallo", con il record personale di punti e di falli, contribuisce al largo successo di New York contro Memphis. E i 22 punti del "Mago" aiutano Toronto a ritrovare vittoria e sorriso contro i Chicago Bulls

COMMENTA NEL FORUM DELL'NBA

I 22 punti di Andrea Bargnani aiutano Toronto a ritrovare vittoria e sorriso. Danilo Gallinari, con il record personale di punti e di falli, contribuisce al largo successo di New York contro Memphis. La serata NBA regala  soddisfazioni ai giocatori italiani. I Raptors battono i Chicago Bulls 114-94 e mettono fine alla striscia di 7 sconfitte consecutive. La formazione canadese, che ora ha un record di 17 successi e 28 ko, ringrazia soprattutto José Calderon. Il play spagnolo, al rientro dopo 10 partite di assenza per un infortunio muscolare, realizza 23  punti con un eccellente 9/10 al tiro. Ottime anche le cifre di  Bargnani, schierato ancora titolare. Il romano, in campo 30'41", chiude con 8/13 al tiro (2/4 da 3), 5 rimbalzi, 1 assist, 1 stoppata, 1 stoppata subita, 1 palla persa e 2 falli.

"Il ritorno di Calderon ci ha dato una grossa mano. Nel secondo tempo, poi, tutta la squadra ha cominciato a difendere sul serio. Quando c'è José, tutta la squadra acquisisce fiducia e gira meglio: io, ad esempio, ho avuto la possibilità di prendermi diversi tiri  comodi", dice Bargnani commentano il match sigillato dal parziale di 23-4 per i Raptors negli ultimi 6'19". "Nella prima metà della  partita abbiamo giocato come se non volessimo la vittoria. Poi, dopo l'intervallo, le cose sono cambiate e abbiamo difeso sul serio". 

La positiva serata tricolore è completata dalla prestazione di Danilo Gallinari, che firma il career high della sua ancor breve carriera con gli 11 punti realizzati nel match vinto dai  New York Knicks 108-88 sui Memphis Grizzlies. La matricola, che finalmente ha risolto i problemi alla schiena, parte dalla panchina e  gioca 17'22". La definitiva uscita dal campo è sancita dai 6 falli  commessi: 1 ogni 3 minuti. Nel tabellino dell'ex giocatore dell'Armani Jeans anche 3/5 al tiro (1/3 da 3 punti), 2 rimbalzi, 1 assist e 1 palla rubata. "I miei compagni si trovano a proprio agio, io sto entrando in ritmo", dice Gallinari dopo il terzo successo consecutivo dei Knicks, che ora hanno un record di 18-24. "Abbiamo vinto le ultime 3 partite, stiamo giocando bene su entrambi i lati del campo: siamo in crescita", aggiunge.

Niente campo e niente vittoria, infine, per Marco Belinelli. Ancora fermo per l'infortunio alla caviglia destra, il bolognese assiste alla sconfitta casalinga dei suoi Golden State Warriors. I Cleveland Cavaliers passano 106-105 a Oakland grazie al prodigio finale di LeBron James. La superstar (32 punti) realizza sulla sirena  il canestro decisivo.

Tutti i siti Sky