28 febbraio 2009

Nba, un incontenibile Shaq affossa Bargnani e i Raptors

print-icon
and

L'ottimo contributo di Bargnani non è bastato a Toronto

Non basta la buona prova dell'italiano autore di 21 punti. Uno straordinario Shaquille O'Neal firma 45 punti con 20/25 dal campo ad una settimana dal suo 37 esimo compleanno nel 133-113 per i Phoenix Suns. I Knicks di Gallinari sconfitti da Philadelfia

COMMENTA NEL FORUM DELLA NBA

> Andrea Bargnani e i Toronto Raptors a lezione da Shaquille O'Neal. Il lungo italiano segna 21 punti ma naufraga in difesa nel match che i Phoenix Suns dominano per 133-113. La serata diventa uno show di Shaq. A una settimana dal 37° compleanno, il 'monumentale' centro dei soli dell'Arizona si regala una perfomance storica: 45 punti con 20/25 dal campo, un'impresa che O'Neal non realizzava da 6 anni. Nel tabellino del mattatore anche 11 rimbalzi, 1 stoppata, 2 palle recuperate, 3 palle perse e 4 falli. La mostruosa prestazione di Shaq è la spia dell'inconsistenza di Toronto sotto il proprio canestro. Il coach dei Raptors, Jay Triano, alterna i propri lunghi nel tentativo di tappare la falla: missione fallita. Nel patatrac viene coinvolto anche Bargnani, costretto spesso a fare da comparsa negli highlights che documentano la valanga di canestri di O'Neal. Prima dell'uscita per falli, in 35 minuti il romano lascia il segno nella metà campo offensiva con 21 punti e 7/13 al tiro (2/4 da 3 punti). Il suo contributo comprende anche 6 rimbalzi, 1 assist e 1 palla recuperata. Troppo poco per aiutare Toronto, che non capitalizza nemmeno i 27 punti di Shawn Marion, ex di turno, e i 19 di Chris Bosh.

Con un record di 23 vittorie e 37 sconfitte, i Raptors vedono sempre più lontano il traguardo dei playoff. Phoenix (33-25) insegue l'obiettivo con O'Neal più carico che mai. "Sono l'unico giocatore che può affrontare ogni centro e dire a se stesso: 'C'è del pollo al barbecue lì", dice Shaq, paragonando ogni partita ad un potenziale banchetto. "Se vengo servito cosi' dai miei compagni, gli avversari devono raddoppiare o triplicare la marcatura. Altrimenti, visto anche come sto tirando i liberi, pagano dazio".  Il veterano, che da anni non è più al top della condizione, secondo Bosh ha usufruito di un trattamento di favore da parte degli arbitri. "O'Neal si è letteralmente accampato oltre la linea del tiro libero. Suppongo che l'infrazione di 3 secondi non esista più". Bargnani non è stato l'unico italiano a vivere una serata povera di soddisfazione, anzi. Pochi sorrisi anche per Danilo Gallinari: solo 3'30" in campo e 2 falli nel match che i suoi New York Knicks hanno perso 108-103 contro i Philadelphia 76ers. Solo 6 punti (3/7 al tiro) e 2 rimbalzi per Marco Belinelli, titolare non protagonista nella sconfitta che i Golden State Warriors hanno incassato per 112-109 contro i Charlotte Bobcats.

Tutti i siti Sky