16 marzo 2009

Nba, Bargnani trascina i Raptors. I Cavs stendono Gallinari

print-icon
leb

Lebron James impegnato nel match tra Cavs e Knicks

Il Gallo non lascia il segno nel ko dei New York Knicks sul campo dei Cleveland Cavaliers. Andrea Bargnani griffa con 27 punti la vittoria dei Toronto Raptors contro gli Indiana Pacers. Panchina per Belinelli contro i Suns

INTERVIENI NEL FORUM DELLA NBA

Danilo Gallinari non lascia il segno nel match che i suoi New York Knicks perdono 98-93 sul campo dei Cleveland Cavaliers. Andrea Bargnani griffa con 27 punti la vittoria dei Toronto Raptors contro gli Indiana Pacers. Marco Belinelli, invece, è solo spettatore nella sconfitta record dei Golden State Warriors contro i Phoenix Suns.

C'è di tutto nella domenica NBA degli italiani. Pochi sorrisi per Gallinari, che parte dalla panchina e gioca appena 5'47": 0/1 al  tiro da 3 punti e 1 fallo sul suo tabellino. New York incassa la 38esima sconfitta in 66 partite ed è sempre più lontana dai playoff. Alla formazione di Mike D'Antoni non bastano i 26 punti di Al  Harrington e i 20 di Nate Robinson contro la miglior squadra della Eastern Conference. I Cavaliers mandano 5 giocatori in doppia cifra e non hanno bisogno del miglior LeBron James (19 punti e 10 assist) per conquistare il 53° successo su 66 gare.

Dopo 7 ko si rialzano i Raptors, che battono 110-87 i Pacers. I canadesi interrompono la striscia negativa grazie alla prestazione di  Bargnani: 27 punti (9/11 dal campo e 3/3 da 3 punti), 9 rimbalzi e 4 assist in 34'44". Toronto, con un record di 24-43, si prepara a  guardare la post-season in tv. Stesso destino anche per Golden State. I Warriors (23-43) vengono travolti in casa 154-130 da Phoenix. Belinelli non scende in campo contro i Suns, che realizzano il punteggio più alto dell'intera stagione 2008-2009.

Tutti i siti Sky