08 giugno 2009

Finali NBA, vittoria col brivido per i Lakers. 2-0 sui Magic

print-icon
lak

I Lakers si portano sul 2-0 nelle finali NBA

Los Angeles si aggiudica anche gara-2 e compie un altro passo verso il 15° titolo della sua storia. Ma non è stata una passeggiata, i gialloviola hanno avuto bisogno di un tempo supplementare per aggiudicarsi un match equilibratissimo (101-96)

COMMENTA NEL FORUM DELLA NBA 

I Los Angeles Lakers tremano ma alla fine vincono anche gara-2 della finale NBA e compiono un altro passo verso il 15° titolo della loro storia. I Lakers hanno battuto all'overtime gli Orlando Magic 101-96 nella seconda partita casalinga della serie e si sono portati sul 2-0. I gialloviola hanno avuto bisogno di un tempo supplementare per aggiudicarsi un match  equilibrato dal primo all'ultimo minuto dei tempi regolamentari.

I Magic, lontani parenti della formazione annichilita in gara-1, hanno avuto tra le mani anche il pallone per vincere la partita alla  fine dei 48' ordinari. A 0"6 dallo scadere, sull'88-88, Courtney Lee  ha ricevuto il passaggio di Hedo Turkoglu direttamente dalla rimessa  laterale: il lay up si e' spento sul ferro e ha rinviato il verdetto  ai supplementari. All'overtime, i Lakers hanno piazzato la stoccata  vincente con un parziale di 13-8 e hanno ipotecato l'anello destinato  ai campioni.

Los Angeles ringrazia il solito Kobe Bryant (29 punti e 8  rimbalzi), ben assistito da Pau Gasol (24 punti e 10 rimbalzi). Il  lungo spagnolo merita elogi non solo per il canestro che ha fruttato  l'88-88, ma anche per la difesa che nell'ultima azione dei tempi  regolamentari ha impedito a Lee di concludere in maniera piu' comoda.

Ai Magic non sono bastati i 34 punti di Rashard Lewis (12/21 al tiro e 6/12 da 3 punti) e i 22 di un ispiratissimo Turkoglu, che a 1"8 dal  termine del quarto periodo, con una difesa magistrale, ha impedito a  Bryant di chiudere la sfida nei 48' canonici. Ai Magic e' mancato il  'vero' Dwight Howard: i 17 punti e i 16 rimbalzi non sono sufficienti  per garantire un voto positivo al centro, incapace di incidere in  attacco per lunghi tratti del match. Domani, quando la serie si sposta a Orlando per gara-3, i Magic avranno bisogno di un altro Howard per  ottenere la prima vittoria della loro storia nella finali NBA.

Tutti i siti Sky