15 giugno 2009

Kobe, il re d'America con l'Italia e il Milan nel cuore

print-icon
kob

Bryant, il più forte giocatore di basket dei tempi moderni, è tornato a laurearsi con i Los Angeles Lakers campione della Nba e MVP. Suo padre giocò in Italia. le sue figlie hanno nomi italiani, lui passa le vacanze a Positano e tifa rossonero. IL VIDEO

COMMENTA NEL FORUM DELLA NBA

"In Italia ho imparato la passione per la vita, per la famiglia, per i figli. Per questo porto l'Italia nel cuore". C'è anche questo valore aggiunto tutto italiano in Kobe Bryant il più forte giocatore di basket dei tempi moderni, tornato a laurearsi con i Los Angeles Lakers campione della Nba.

Per lui è la quarta volta, e per i Lakers il 15° titolo nella loro storia. Ma nella folgorante carriera di Kobe Bryant,  31 anni, ala-tiratrice dal talento assoluto c'è anche per sua stessa ammissione qualcosa di italiano. Perché Bryant, 31 anni, nato a Filadelfia e chiamato così dai genitori per la bontà del 'kobe', il filetto di bue massaggiato giapponese, è figlio di quel Joe Bryant che dal 1984 al 1991 giocò in Italia a Rieti, Reggio Calabria, Pistoia e Reggio Emilia ed ora è l'allenatore dei Tokyo Apache nel campionato nipponico.

Il piccolo Kobe così, dai 6 ai 13 anni, è stato 'italiano', e come tutti i bambini del mondo ha giocato a scuola e in strada a tutti giochi possibili. Ma con questa differenza: qualunque cosa facesse, vinceva sempre lui. Negli sport era così bravo che, se fosse rimasto in Italia, avrebbe voluto  tentare la via del calcio professionistico e tra i tanti  campioni che in quegli anni militavano nel campionato italiano il suo eroe era l'allora centrocampista del Milan Frank Rijkaard. L'amore per quei colori gli è rimasto, visto che tuttora Bryant junior si professa tifoso milanista.

Nel 1991 la famiglia Bryant chiuse la sua esperienza italiana e rientrò negli Stati Uniti. Ma anche qui, come a Rieti o  eggio Emilia, qualunque cosa l'adolescente Bryant facesse, vinceva  sempre. Un talento assoluto, che portò presto a far emergere la squadra della Lower Merion High School dai sobborghi di Filadelfia alla notorietà nazionale. Al punto che a soli 17 anni Bryant tentò, e trovò, la via dell'Nba, senza passare dai college.

Oggi, 15 anni dopo, Kobe Bryant vanta 4 titoli Nba, una medaglia d'oro olimpica (Pechino 2008), 11 presenze nell'All Star Game e un titolo di Most Valuable Player della stagione (il Pallone d'oro del basket Usa). E' cioè con LeBron James (dei Cleveland Cavaliers) il giocatore-simbolo di questo decennio del  basket Nba, oltre che un fuoriclasse paragonato a fenomeni del calibro di Micheal Jordan e 'Magic' Johnson. "Ma per me - dice con modestia Bryant - loro due sono stati i più grandi di tutti i tempi". Ribattezzato dai tifosi 'black mamba' per la sua capacità di fare magie, Kobe Bryant si è confermato nei fatti l'icona NBA 2009, il MVP (Most Valuable Player) delle finali 2009, grazie a lui dominate 4-1 sugli Orlando Magic a suon di 30 punti per volta.

Ha accolto il titolo di campione del mondo tenendo in braccio le sue due bambine, Natalia Diamante, 6 anni, e Gianna Maria Onore, 3 anni. A loro ha voluto dedicare la vittoria, la determinazione con cui l'ha perseguita, la passione con cui l'ha  raggiunta. "Quanto sia importante vivere con passione l'ho imparato in Italia. La passione per la vita, per i figli, per ciò che fai. L'Italia avrà sempre un posto speciale nel mio cuore". E infatti ci torna quasi ogni anno in vacanza, quasi sempre a Positano o comunque sulla costiera amalfitana.

Tutti i siti Sky