09 luglio 2009

McNair, la polizia conferma: è stato omicidio-suicidio

print-icon
mcn

Il luogo del delitto McNair, la polizia ha confermato che si è trattato di omicidio-suicidio

Gli inquirenti hanno rinvenuto tracce di polvere da sparo sulle mani di Sahel Kazemi, la ragazza trovata morta accanto al corpo dell'ex stella della Nfl. Si ritiene che McNair stesse dormendo quando la donna gli ha sparato

COMMENTA NEL FORUM DELLA NFL

Dopo le anticipiazioni dell'assistente medico incaricato degli esami, che aveva rivelato di avere rinvenuto tracce di polvere da sparo sulle mani di Sahel Kazemi, la polizia ha confermato che a sparare a Steve McNair, l'ex quarterback della NFL, è stata la ragazza ventenne trovata morta accanto al corpo senza vita del giocatore, a sua volta ucciso da quattro colpi da arma da fuoco.

La polizia di Nashville ha spiegato che la Kazemi ha prima ucciso McNair e quindi si è tolta la vita sparandosi alla testa. Gli inquirenti hanno detto di non poter spiegare cosa è passato per la testa della Kazemi prima dell'omicidio-suicidio. Dalle analisi si ritiene che McNair stesse dormendo sul sofà quando la ragazza gli ha sparato. I due erano nell'appartamento che McNair aveva affittato assieme ad un'amico in un lussuoso residence di Nashville.

Tutti i siti Sky