08 agosto 2009

Nba, LeBron gela Cleveland: non firma il rinnovo

print-icon
le_

LeBron James non vuole firmare il rinnovo di contratto con i Cleveland Cavaliers

Il Prescelto non intende esercitare l'opzione che lo legherebbe ai Cavs fino al 2011. La franchigia gli ha sottoposto un triennale che lo porterebbe a guadagnare 17,1 milioni di dollari, ma il giocatore vuole aspettare

COMMENTA NEL FORUM DELLA NBA

LeBron James per ora non vuole prolungare il contratto con i Cleveland Cavaliers e non intende esercitare l'opzione che lo legherebbe alla squadra fino al 2011. Traduzione: il "prescelto" sta valutando seriamente se lasciare la franchigia alla fine della stagione 2009-2010, alla scadenza dell'attuale accordo. "Ho firmato un contratto nel 2006 con un'opzione. Non avrebbe senso firmare un contratto del genere se non mi tenessi aperte le opzioni. Riempite voi gli spazi bianchi", dice il 24enne a margine di un evento promozionale organizzato ad Akron, la sua città.

I Cavaliers hanno sottoposto a James un nuovo accordo triennale lo scorso 18 luglio. L'ala, se firmasse, si legherebbe alla squadra fino al 2014. Nel prossimo campionato il numero 23 guadagnerà 15,7 milioni di dollari. Se decidesse di rimanere anche nel 2010-2011, incasserebbe 17,1 milioni di dollari. Secondo il principale quotidiano di Cleveland, il Plain Dealer, le parole di James non vanno interpretate come un passo verso l'addio. Non c'è dubbio, però, che la superstar potrebbe diventare il free agent più appetito sul mercato tra 12 mesi.

James, che finora ha sempre fallito l'assalto al titolo NBA, potrebbe scegliere un team in grado di puntare dritto all'anello. Cleveland, che nel 2008-2009 si è fermata alla finale della Eastern Conference, ha aggiunto all'organico il centro Shaquille O'Neal. I Cavs sperano che il veterano aiuti la squadra a compiere il passo decisivo verso il trionfo e, contemporaneamente, convinca James a rimanere

Tutti i siti Sky