20 novembre 2009

Nba, Utah batte San Antonio. Lakers, a tutto Gasol

print-icon
spo

Paul Gasol è rientrato nelle file dei Lakers dopo un infortunio

Dopo 10 anni di sconfitte e 20 ko consecutivi con gli Spurs, Utah riesce a invertire la tendenza vincendo a San Antonio 90-83. New Orleans batte Phoenix, Los Angeles vince contro i Chicago Bulls: buon rientro per Pau Gasol (24 punti)

COMMENTA NEL FORUM DELLA NBA

Dopo 10 anni di sconfitte e 20 ko consecutivi a San Antonio, Utah vuole invertire la tendenza. Gli Spurs, senza Parker e Ginobili hanno qualche difficoltà a creare gioco. Ma Tim Duncan si carica sulle spalle la squadra, e i suoi 21 punti, 9 rimbalzi e 5 assist, mantengono in partita San Antonio. Utah prova a scappare e in chiusura di primo tempo va sul +12 con Deron Williams (21 punti e 10 assist) e Carlos Boozer (18 punti e 11 rimbalzi), micidiali quando si cercano, si trovano e fanno il vuoto sotto il canestro avversario. Gli Spurs rientrano in partita nell'ultimo quarto ma in chiusura Boozer interrompe 10 anni di sconfitte a San Antonio. Utah vince 90-83.

Equilibrio anche tra New Orleans e Phoenix. Da una parte, Emeka Okafor, 13 punti e 12 rimbalzi. Dall'altra, Amare Stoudemire (23 punti) e i 10 assist di Steve Nash. I Suns mandano 7 giocatori in doppia cifra. Ma gli Hornets, senza Chris Paul, vincono la partita dall'arco. Stojakovic (25 punti) firma 7 triple. Brown, Thornton e Posey ne segnano altre 5. E' vittoria Hornets 110-103. Nessun problema per i Lakers contro Chicago. L'ottimo debutto stagionale, dopo l'infortunio, di Pau Gasol:recita 24 punti e 13 rimbalzi e oscura, quasi, i 21 con cui Kobe Bryant supera Kareem Abdul Jabbar e diventa il secondo realizzatore di sempre dei Lakers. Los Angeles trova anche un vantaggio di 24 punti. Finisce 108-93. Per i campioni è la nona vittoria in 12 partite.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT

Tutti i siti Sky