07 dicembre 2009

Nba, Gallinari e i Knicks rimandano all'inferno i Nets

print-icon
hug

Larry Hughes ha trascinato con i suoi 25 punti al terzo successo in quattro gare i Knicks di D'Antoni (foto ap)

Il Gallo parte dalla panchina, ma contribuisce con 11 punti alla vittoria di New York su New Jersey (106-97) che torna a perdere. Continua la marcia dei Lakers che non lasciano scampo ai Suns. Cleveland espugna Milwaukee, Wade salva Miami: Sacramento ko

COMMENTA NEI FORUM DI NBA 

di Chiara Baroni

Ci pensano i New York Knicks a riportare coi piedi per terra, pardon, sotto terra, i New Jersey Nets che venerdì avevano colto la loro prima vittoria di stagione. Gara in rimonta per la banda di Mike D'Antoni, al terzo successo in quattro gare, con Larry Hughes che infila 16 dei suoi 25 punti di serata in un terzo quarto che lascia il segno. Bottino da 26 per Harrington, 24 per Lee, 11 per un Danilo Gallinari che parte dalla panchina. 106-97 Knicks il finale.

Terzo quarto decisivo anche a Angeles, dove i Lakers battono per 108 a 88 i Phoenix Suns. Kobe Bryant firma 26 punti, 7 rimbalzi e 3 assist. Dall'altra parte solo Stoudemire si avvicina a quota 20, Nash si ferma a 12 ma impreziosisce la sua serata con 10 assist. Seconda vittoria stagionale di Los Angeles su Phoenix, penalizzata da un calendario che fino ad ora l'ha fatta giocare più in trasferta che in Arizona. I Lakers di contro hanno frequentato soprattutto lo Staples: non è un caso che abbiano una striscia aperta di 9 successi, quando lo scorso anno, quello del titolo, di vittorie filate ne erano arrivate al massimo sette.

C'è un parziale decisivo - e che parziale! - anche monte del successo dei Cavaliers sul parquet dei Bucks. Dopo 8 minuti di gioco Milwaukee è avanti 17-10, ma qui si inchioda e fino a metà del secondo quarto non vede un canestro che sia uno. Break micidiale di 29 a 0 per Cleveland che non deve nemmeno scomodare più di tanto LeBron James: 14 punti, 10 assist, 5 rimbalzi. Bottino da 24 punti inutile per Brandon Jennings Chi salva capra e cavoli, superbottino e vittoria, è Dwyane Wade: 34 punti e 10 assist nel successo di Miami per 115 a 102 sul parquet dei Sacramento Kings. Gli Heat chiudono con 2 vittorie e due sconfitte il loro primo mini-tour di stagione sulla costa Ovest.

Serata da dimenticare invece quella di Gilbert Arenas. in missione a Detroit, Agent Zero riesce a mettere insieme solo 8 punti in 32 minuti, mancando sei dei suoi nove tiri di serata. Vincono 98 a 94 i Pistons, grazie a uno Stuckey che tocca quota 25 punti e nonostante percentuali striminzite - 20% - nel tiro dalla lunga distanza.

Tutti i siti Sky