10 gennaio 2010

Nba: Gallinari è spento e New York cade a Houston

print-icon
kni

Lee, durante Houston Rockets-New York Knicks

Solo 11 punti e 4 rimbalzi per l'italiano e Knicks sconfitti 105-96 dai Rockets di Luis Scola. Nelle altre partite vittorie di Orlando su Atlanta, Chicago su Minnesota e Oklahoma, che si impone su Indiana grazie a 40 punti e 12 rimbalzi di Durant

COMMENTA NEI FORUM DI NBA

LE RISPOSTE DI ANDREA BARGNANI A SKY.it

Al Toyota Center di Houston i Knicks di Danilo Gallinari non hanno vita facile. I Rockets, trascinati da un ottimo Luis Scola (23 punti messi a segno), s'impongono per 105-96. L'italiano, in campo per 32 minuti, regala una prova tra luci e ombre, in cui riesce comunque a mettere a segno 11 punti e a raccogliere 4 rimbalzi. La sconfitta è maturata nonostante la buona prova di David Lee, miglior realizzatore tra gli ospiti con 26 punti, che associati a 12 rimbalzi significano doppia doppia.

Negli altri incontri della notte si registra la vittoria di Orlando contro Atlanta per 113-81: i Magic respingono così l'assalto degli Hawks alle prime posizioni. Vittoria di misura per Charlotte: ai Grizzlies non sono bastati i 25 punti di O.J.Mayo. Philadelphia continua la sua rincorsa, andando a cogliere il successo in casa di Detroit: 104-94 il finale, con Elton Brand, escluso dal quintetto base, a far brillare la propria stella realizzando 25 punti. Anche Chicago approfitta del turno casalingo e non sbaglia contro Minnesota: 110-96 il finale. Più complicato giungere al successo per Oklahoma City, sfidata da Indiana: a darle una grossa mano ci pensa Kevin Durant, autore di una prova sensazionale. Oltre ai 40 punti vanno aggiunti 12 rimbalzi (tutti in difesa) e 3 assist, che fissano il punteggio finale sul 108-102. Vittoria anche per Utah che mettono al tappeto proprio Dallas, a cui non bastano i 29 punti di Nowitzki. Chiudiamo con il successo di Sacramento su Denver per 102-100.

Tutti i siti Sky