16 marzo 2010

Nba, i Lakers fanno festa. Gallinari trascina NY

print-icon
los

Golden State ko contro i Lakers, ma i tifosi si saranno consolati assistendo allo spettacolo delle cheerleaders nell'intervallo

Va a Los Angeles il derby californiano contro Golden State: 29 punti di Bryant e 26 di Gasol stendono i Warriors 124-121. Una prestazione super del "Gallo" mette ko Philadelphia. Vittorie anche per Boston su Detroit e Houston su Denver

COMMENTA NEL FORUM DI NBA

IL DIARIO DEL GALLO: GUARDA LA SECONDA PUNTATA

Dopo aver perso a Cleveland contro i Cavs, Rajon Rondo e i Celtics tornano al Garden dove i modesti Pistons sembrano la vittima ideale contro la quale riprendersi. Vittima come Tayshaun Prince, che nel primo quarto atterra sul ginocchio di Maxiell. Senza Prince, lo starting five di Detroit arranca, anche contro la panchina di Boston. Che nel primo tempo segna 26 punti contro gli appena 21 del quintetto base dei Pistons. Dopo il ko subito a casa di Lebron James, i Celtics tornano alla vittoria mandando sette uomini in doppia cifra. 119-93 il finale.

Vincono anche, ma con fatica, i Los Angeles Lakers nel derby californiano con Golden State. Con fatica perché dopo il canestro del +9 segnato da Bryant a tre minuti e mezzo dall'ultima sirena, i Warriors rientrano in partita, ma il tiro del pareggio che porterebbe le squadre all'overtime rimbalza sul ferro senza entrare. I Lakers vincono 124-121 nonostante i 24 palloni persi. 29 per Bryant, 26 per Gasol. Los Angeles intravede la cinquantesima vittoria dall'inizio della stagione, mentre Golden State ha in Stephen Curry il miglior realizzatore con 29 punti.

I Lakers guadagnano terreno in Western Conference sugli inseguitori: nella notte Dallas non gioca e rimane a quattro lunghezze come Denver, superata nel finale da Houston. Dopo il canestro del pareggio a venti secondi dalla fine di Carmelo Anthony, è il tiro in sospensione firmato Aaron Brooks a riportare avanti i Rockets. Da giocare rimangono tre secondi, ma il canestro della disperazione di Denver non va. I 45 di Carmelo Anthony non bastano. Vince Houston 125-123. Brooks chiude con 31 punti e 9 assist.

Vittoria in trasferta per New York che si impone al Wachovia Center di Philadelphia, battendo i 76ers 94-84. Nel successo dei Knicks il grande protagonista è Danilo Gallinari che, miglior realizzatore dell'incontro, trascina i suoi mettendo 21 punti a referto (5/9 da due, 3/6 da tre e 2/3 ai liberi). Per il "Gallo", schierato nel quintetto base, 41 minuti e 5 secondi in campo con 2 rimbalzi e un assist a completare una prestazione più che convincente. Nel secondo successo consecutivo dei newyorkesi di Mike D'Antoni da segnalare anche i 20 punti di Douglas. A Philadelphia non bastano i 18 punti di Holiday e i 17 di Green per fermare New York.

Guarda anche
Nba, poco Bargnani e Toronto finisce ko anche a Portland

Tutti i siti Sky