25 aprile 2010

Nba, Oklahoma batte ancora i Lakers. Orlando non ha ostacoli

print-icon
thu

Duello sottocanestro durante gara4 tra Oklahoma Thunder-Los Angeles Lakers (foto Ap)

I Thunder sognano l'impresa e ora sono sul 2-2 nella serie contro i gialloviola, Bryant sottotono segna solo 12 punti. Terzo successo in altrettante partite per i Magic contro Charlotte. In parità anche il confrontro tra Portland e Phoenix

COMMENTA NEI FORUM DI NBA

Ora Oklahoma City sogna davvero l'impresa. I Thunder strapazzano i Lakers in gara 4 e pareggiano la serie del primo turno dei playoff sul 2-2. I padroni di casa dominano la sfida dall'inizio alla fine, portandosi sul +12 già nel primo quarto, per poi arrivare addirittura a +29 nel terzo periodo e potersi addirittura permettere di far un po' riposare le proprie stelle nell'ultimo quarto. Kevin Durant chiude a quota 22 punti, mentre le stelle di Los Angeles sono in giornata negativa (Bryant 12, Gasol e Bynum 13).

Pareggiano sul 2-2 anche i Portland Trail Blazers su Phoenix. A sorpresa è tornato Brandon Roy, dopo l'intervento in artroscopia al ginocchio di otto giorni fa, ed ha messo a segno 10 punti in 27 minuti, compresa una tripla ed un jumper decisivi nei minuti finali. Il miglior del confronto è stato LaMarcus Aldridge con 31 punti e 11 rimbalzi, mentre tra gli ospiti non bastano i 26 punti di Stoudamire con un Nash a 'soli' 8 assist.

Gli Orlando Magic si portano sul 3-0 contro Charlotte e si portano ad un passo dal secondo turno. Con Dwight Howard (13 punti e 8 rimbalzi) fuori per falli negli ultimi tre minuti, ci pensa Jameer Nelson a regalare il successo ai suoi con 32 punti e 5/9 nelle triple. Riapre i conti Milwaukee, grazie alla vittoria contro Atlanta in gara 3 (ora gli Hawks sono avanti 2-1 nella serie). Non c'è mai partita con John Salmons (22 punti e 9/11 dal campo) a guidare i Bucks, che portano sei uomini in doppia cifra alla sirena finale.

Tutti i siti Sky