29 maggio 2010

Playoff Nba, i Celtics volano in finale: 4-2 a Orlando

print-icon
bos

Nate Robinson (Boston Celtics) sembra irridere Jason Williams (Orlando Magic)

In gara-6 la formazione biancoverde s'impone 96-84 e può andare a caccia del suo sesto titolo Nba. Ora attendono la vincente dell'altra semifinale, quella tra Lakers e Suns. Dovessero vincere i gialloviola sarà l'11.ma sfida per il titolo contro Boston

COMMENTA NEL FORUM DI NBA

I Boston Celtics vanno a caccia del 19° titolo Nba. La formazione di Doc Rivers ha conquistato il 'banner' della Eastern Conference superando 4-2 gli Orlando Magic nella finale dell'Est. Il verdetto è arrivato con la prova di forza che i Celtics hanno fornito in gara 6. Boston si è imposta 96-84 ora si accomoda in poltrona, in attesa dell'esito della finale della Western Conference. I Los Angeles Lakers, avanti 3-2, stanotte si giocano il primo matchpoint sul campo dei Phoenix Suns.

Se i campioni in carica dovessero chiudere la serie in trasferta, dal 3 giugno andrebbe in scena la 'solita' sfida per il  titolo. Celtics e Lakers si sono affrontati 11 volte per l'anello di campioni. L'ultimo faccia a faccia risale al 2008: 2 anni fa hanno  vinto i Celtics, che ora puntano ad un altro trionfo. "Ovviamente un  titolo e' speciale, ma noi vorremmo far parte del club che comprende  chi ne ha vinti 2. Nessuno può portarci via il primo, ma noi vogliamo entrare anche nell'altro club", dice Rivers. La sua squadra deve ora  completare il percorso iniziato con il successo al primo round contro  Miami e proseguito nella semifinale orientale con il k.o. rifilato ai  Cleveland Cavaliers di LeBron James.

A timbrare il biglietto per la finalissima è stato soprattutto  Paul Pierce, che ha firmato 31 punti, 13 rimbalzi e 5 assist spegnendo le residue speranze dei Magic. Orlando, reduce da 2 vittorie  consecutive, ha sognato di diventare la prima squadra capace di  ribaltare una serie partendo da 0-3. "Ma questo è basket, non  hockey", dice Pierce, facendo riferimento al crollo di un'altra  squadra di Boston. I Bruins, avanti 3-0 nella finale della Eastern  Conference della National hockey league, hanno finito per perdere 4-3  contro i Philadelphia Flyers.

"Non ho mai temuto che potesse capitare qualcosa  di tragico", prosegue Pierce, miglior giocatore delle finali 2008.  Hanno vissuto una serata normale Ray Allen (20 punti), Rajon Rondo (14 punti e 6 assist) e Kevin Garnett (10 punti e 5 rimbalzi). A  infiammare il pubblico del TD Garden ha provveduto Nate Robinson: il 'mini-panchinaro' ha realizzato tutti i suoi 13 punti nel secondo quarto, contribuendo in maniera decisiva a spezzare in 2 la partita. Boston è volata a +21 e, dopo un parziale risveglio dei Magic, è approdata all'intervallo sul 55-42. Il parziale di 11-2 con cui i padroni di casa hanno aperto il terzo periodo ha chiuso virtualmente  la contesa. Orlando, finalista un anno fa contro i Lakers, si è arresa nonostante i numeri di Dwight Howard (28 punti e 12 rimbalzi).  Il centro avrebbe avuto bisogno di un contributo maggiore da Vince  Carter (17 punti) e, soprattutto, da Jameer Nelson (11 punti con 5/14  al tiro) e Rashard Lewis (7 punti con un pessimo 3/11). "I Celtics  -dice Howard chiudendo l'annata - hanno giocato sempre con la volontà di vincere il titolo. Ecco perchè ora si trovano in questa posizione".

Tutti i siti Sky