14 ottobre 2010

Belinelli è super e stende Miami. Toronto ok, New York ko

print-icon
mar

Marco Belinelli supera Kenny Hasbrouck

Preseason Nba: gli Hornets superano Miami, priva di Dwyane Wade e LeBron James, grazie a 19 punti, 4 rimbalzi e 4 assist di Belinelli. Andrea Bargnani tira male ma vince, Danilo Gallinari segna 11 punti e i Knicks finiscono al tappeto contro Boston

Commenta nel forum di Nba

Marco Belinelli stende Miami, priva di Dwyane Wade e LeBron James. Andrea Bargnani tira male ma vince, Danilo Gallinari ha le polveri bagnate e finisce al tappeto. Tutta la  pattuglia italiana scende in campo nella preseason Nba e chiude la  serata con un bilancio nel complesso positivo. Merito sopratutto di Belinelli, che firma 19 punti e da top scorer griffa la vittoria dei suoi New Orleans Hornets sui Miami Heat per 90-76, ricevendo i complimenti del compagno di squadra Trevor Ariza, campione Nba nel 2009 con la casacca dei Lakers: "Marco ha talento, aveva solo bisogno di un posto dove dimostrare quello che sa fare".

La guardia bolognese sale in cattedra nel quarto periodo, realizzando 8 punti decisivi: alla fine, 32'20" da titolare con 7/10 al tiro (3/4 da 3 punti), 4 rimbalzi e 4 assist. New Orleans capitalizza anche le cifre di Emeka Okafor (15 punti e 7 rimbalzi), mentre la superstar Chris Paul tira male (2/9 dal campo per 7 punti) ma distribuisce 7 assist. Gli Heat restano in partita grazie soprattutto a Chris Bosh. Con Wade out per un infortunio muscolare e James in panchina dopo i crampi accusati nel match precedente, tocca al terzo 'big' caricarsi la squadra sulle spalle. Bosh segna 24 punti (9/15 al tiro) in 23' ma non riesce ad evitare il secondo k.o. in 5 partite di preseason.

Bilancio in equilibrio, con 2 vittorie in 4 match, per i Toronto Raptors. I canadesi piegano i Philadelphia 76ers per 119-116 al termine di una gara infinita, che va in archivio dopo un doppio supplementare. Bargnani ha il tempo per giocare 37'22" da titolare: il lungo romano chiude con 14 punti e 8 rimbalzi determinanti per Toronto, ma continua a viaggiare con percentuali rivedibili al tiro.  Il 'mago' mette a referto un mediocre 6/22, con 0/3 al tiro. Nel primo overtime segna 4 punti ma fallisce 2 liberi che darebbero alla sua squadra un importante +6. La mira non è granchè,  ma in compenso l'azzurro si fa sentire sotto il proprio tabellone con 4 stoppate. I Raptors ringraziano soprattutto Jarrett Jack (24 punti con 9/12 al tiro) e DeMar DeRozan (16 punti), autore del canestro decisivo che a 35" dall'ultima sirena piega i 76ers.

L'unico italiano costretto a fare i conti con una sconfitta è Gallinari. L'ala segna 11 punti (2/8 al tiro e 1/6 da 3 punti) e  cattura 6 rimbalzi: il bottino non evita la sconfitta casalinga dei New York Knicks contro i Boston Celtics, che passano per 104-101 sul  parquet del Madison Square Garden. I Knicks possono sorridere guardando Amare Stoudamire: il lungo realizza 30 punti (9/13 al tiro) in 27' e rimane in panchina, con altri titolari, nell'ultimo periodo. Boston può già contare sui veri Ray Allen (24 punti) e Paul Pierce (20 punti). Kevin Garnett segna 6 punti prima di farsi espellere. Shaquille O'Neal produce lo stesso fatturato in quasi 37'.

Tutti i siti Sky