11 marzo 2011

Nba, Nuggets ok anche senza il Gallo. Miami batte i Lakers

print-icon
nug

I Denver Nuggets passano per 116-97 in casa dei Phoenix Suns (Getty)

I Denver Nuggets, ancora privi dell'acciaccato Danilo Gallinari, passano per 116-97 in casa dei Phoenix Suns. Miami si sveglia, batte i Los Angeles Lakers e interrompe la serie di 5 sconfitte consecutive

Sfoglia l'Album della Nba

Miami si sveglia, batte i Los Angeles Lakers e interrompe la serie di 5 sconfitte consecutive. Gli  Heat escono dalla crisi con il successo per 94-88 sui campioni Nba, al primo stop dopo 8 vittorie. Il big match si decide a 1'32" dalla fine: sull'88-88, Dwyane Wade ruba il pallone a Kobe Bryant e lo offre a LeBron James. La schiacciata segna il break decisivo degli Heat, che completano la missione. Miami, che ora ha un record di 44-21, si  aggiudica anche il secondo confronto stagionale con i californiani  grazie al redivivo Chris Bosh (24 punti e 9 rimbalzi), autore di una  prova convincente dopo la richiesta pubblica di un maggior numero di  tiri all'interno dello scacchiere di coach Erik Spoelstra.

Wade chiude con 20 punti, 5 rimbalzi e 5 assist. James, tanto  per cambiare, sfiora la tripla doppia (19 punti, 9 assist e 8  rimbalzi). I Lakers (46-20) si fermano nonostante i 24 punti di  Bryant. La star non tira benissimo (8/21 dal campo e 4/8 da 3) e viene stoppato da Wade quando, nel finale, tenta di ricucire il gap con una  tripla: "Era chiaramente fallo", protesta Bryant. In campo, al suo  fianco, si danno da fare Pau Gasol (20 punti e 5 rimbalzi) e Andrew  Bynum (13 e 12). Nonostante le prestazioni dei lunghi, i gialloviola  soccombono a rimbalzo (37-46).

Se il verdetto di Heat-Lakers arriva solo nel finale, le altre 2 partite della serata Nba sono altrettanti monologhi. I Denver Nuggets (38-27), ancora privi dell'acciaccato Danilo Gallinari, passano per 116-97 in casa dei Phoenix Suns (33-30) con i 22 punti di Nené e i 20 di Ty Lawson. Ai soli dell'Arizona serve a poco il ricco tabellino del lungo polacco Marcin Gortat (14  punti, 18 rimbalzi e 4 assist). Pochi brividi anche per i Dallas Mavericks (47-18) che a domicilio demoliscono i New York Knicks  (34-30) per 127-109. I texani, avanti di 20 all'intervallo (71-51), ottengono lo score più ricco della loro stagione con Dirk Nowitzki (23 punti), Shawn Marion (22) e Jason Terry (21). New York si ferma dopo 3 vittorie: Amar'e Stoudamire (36 punti) non evita il ko. Landry Fields (19 punti) segna più di Carmelo Anthony (18 e 10 rimbalzi) che non brilla per precisione (5/15).

Commenta nel Forum della Nba

Tutti i siti Sky