12 marzo 2011

Nba, Toronto vince contro i Pacers. Ma Bargnani non fa magie

print-icon
bar

Andrea Bargnani ha messo a segno solo 8 punti contro gli Indiana Pacers(Getty)

L'azzurro segna solo 8 punti con un pessimo 1/13 al tiro nel match casalingo che i suoi Raptors vincono 108-98 contro gli Indiana Pacers. I San Antonio Spurs piegano i Sacramento Kings, i Celtics cadono sul campo dei Philadelphia 76ers

Sfoglia l'Album della Nba

Andrea Bargnani fa flop ma Toronto sorride. L'azzurro segna 8 punti con un pessimo 1/13 al tiro  (0/6 da 3 punti) nel match casalingo che i suoi Raptors vincono 108-98 contro gli Indiana Pacers. Bargnani, al rientro dopo una gara saltata per influenza, parte titolare e gioca 30'56" in cui si mette in evidenza soprattutto per i 5 rimbalzi e le 2 stoppate. Toronto, che ora ha un record di 18-47, si affidano a Leandro Barbosa (29 punti).

Il brasiliano confeziona la miglior prestazione stagionale e regala un po' di pepe alla serata: con la vittoria già in cassaforte, prova a segnare anche nell'ultima azione. Uno sgarbo agli avversari,  secondo le regole non scritte della Nba. I Pacers (27-38) si infuriano e volano parole grosse sul parquet dell'Air Canada Centre.

"L'ho fatto perché loro hanno fatto la stessa cosa in  passato", dice Barbosa ricordando che nel confronto del 31 gennaio Indiana, vittoriosa 104-93, infilò una tripla allo scadere con Darren Collison. "Siamo pari", conclude Barbosa. La storia però appare destinata a proseguire. "Questa cosa resterà in un angolo del nostro cervello", dice Danny Granger, top scorer dei Pacers con 25 punti. "Se fossi stato vicino a lui (Barbosa, ndr) gli avrei staccato la testa e mi sarei beccato una giornata di squalifica", aggiunge. 

C'è meno tensione sugli altri parquet, dove vanno in scena partite più importanti in ottica playoff. I San Antonio Spurs (53-12), la miglior squadra della lega, piegano i Sacramento Kings (15-48) con i 27 punti di Tony Parker e i 24 di Manu Ginobili. Gli speroni difendono la prima testa di serie nel tabellone della Western Conference con ben 6 partite di vantaggio sui Dallas Mavericks (47-18).

Completamente diversa, invece, la situazione nella Eastern Conference. I Boston Celtics (46-17) cadono per 89-86 sul campo dei Philadelphia 76ers (34-31) e dopo il secondo stop consecutivo sono tallonati dai Chicago Bulls. I tori, trascinati da Derrick Rose (34  punti) travolgono gli Atlanta Hawks (37-28) per 94-76. Chicago, al quinto successo di fila, ha un record di 46-18: i Celtics sono lontani solo mezza partita.

Commenta nel Forum della Nba

Tutti i siti Sky