20 marzo 2011

Nba, Gallinari e Belinelli ne fanno 23 a testa. Ma perdono

print-icon
mar

Marco Belinelli nella sfida contro Boston (Getty)

New Orleans e Denver sconfitte rispettivamente da Boston e dai Miami Heat (65 punti segnati dalla formidabile coppia formata da LeBron James e Dwyane Wade) nonostante le prestazioni sfoderate dai due italiani

Sfoglia l'Album della Nba

Ventitré punti a testa e due sconfitte. Marco Belinelli e Danilo Gallinari non steccano, ma New Orleans e Denver perdono contro avversari di prestigio. La guardia  bolognese firma 23 punti con un ottimo 8/13 al tiro (5/8 da 3 punti)  nel match casalingo che i New Orleans Hornets (40-31) perdono per  89-85 contro Boston. L'azzurro, titolare per 36'50", mette a referto  anche 2 rimbalzi e 2 recuperi.

New Orleans, avanti anche di 11 punti, si spegne nel terzo  periodo quando incassa un parziale di 27-13. Gli Hornets pagano la serata storta di Chris Paul: il play distribuisce sì 15 assist, ma incappa in un pessimo 0/9 al tiro e segna solo 4 punti dalla lunetta. Il ricco score di David West (32 punti) non basta ad evitare il passo falso tra le mura amiche. I Celtics schierano solo 8 uomini e completano la missione con i 20 punti a testa siglati da Ray Allen e Glenn Davis. I vicecampioni Nba, con un record di 49-19, agganciano i Chicago Bulls al comando della Eastern Conference. In vista dei playoff, la prima testa di serie a Est è un obiettivo concreto anche per Miami.

Gli Heat (48-22) piegano Denver per 103-98 grazie  alla coppia stellare formata da LeBron James (33 punti) e Dwyane Wade  (32 punti). Chris Bosh fa la sua parte con 18 punti e 10 rimbalzi e la corazzata della Florida marcia spedita. I Nuggets (41-29), storditi da un parziale di 10-0 nel quarto periodo, si arrendono nonostante i 27  punti di JR Smith e i 23 di un convincente Gallinari. L'ala italiana, alla seconda partita dopo uno stop di quasi 20 giorni, parte dalla panchina e gioca 31'28": alla fine, fa segnare 5/12 al tiro (2/6 da 3 punti) e brilla per precisione ai liberi (11/12). Nel tabellino del 'Gallo' anche 2 rimbalzi e 1 assist. A Ovest, tutto liscio per San Antonio. Gli Spurs (56-13), miglior squadra dell'intera lega, senza Tim Duncan stendono i  Charlotte Bobcats (28-41) per 109-98 con una prova collettiva. Giocano in 12 e segnano in 11: in una gara già decisa all'intervallo (58-41), per una volta il top scorer dei texani è Steve Novak (19 punti con 5 triple).

Commenta nel Forum della Nba

Tutti i siti Sky