04 aprile 2011

Nba, Gallinari show: Denver vince sul campo dei Lakers

print-icon
dan

Il nostro Danilo Gallinari ha messo a referto 22 punti in 40'37 (Getty)

L'italiano ha messo a referto 22 punti in 40'37". Per il "Gallo" anche 3 assist e un 3/6 dai tre punti. Bene anche i Raptors, ancora privi del nostro Andrea Bargnani per infortunio. Vincono anche gli Hornets contro i Pacers, 9 punti per Belinelli

Sfoglia l'Album della Nba

Danilo Gallinari dà spettacolo a casa di Kobe Bryant, Denver vince 95-90 sul campo dei Los Angeles Lakers e si qualifica ai playoff. I Nuggets, con un record di  47-29 dopo la sesta vittoria di fila, si assicurano un posto nella post-season con 6 gare d'anticipo rispetto alla fine della stagione regolare. Se l'obiettivo viene raggiunto sul parquet dei campioni in  carica, k.o. dopo 9 successi consecutivi, il merito è in buona parte dell'azzurro. L'ala italiana, titolare per 40'37", segna 22 punti con un primo tempo stellare: Gallinari va al riposo con 18 punti. Nella  ripresa, il numero 8 tira poco ma è sempre utilissimo alla squadra, come dimostra il suo ricco tabellino: 7/13 al tiro (3/6 da 3 punti), 7 rimbalzi, 3 assist e 3 recuperi. L'unica nota stonata sono i 6 errori  ai liberi (5/11), un'eccezione per un giocatore che dalla lunetta viaggia abbondantemente oltre l'80%.

Gallinari è il top scorer di una formazione che capitalizza anche i 16 punti di Ray Felton e i 18 di Kenyon Martin, autore del  canestro che fa calare il sipario sul match. I Lakers si inceppano nel finale nonostante i 28 punti di Bryant (ma con 10/27 al tiro) i 17 di Lamar Odom e la presenza sotto canestro delle torri Pau Gasol (16 punti e 12 rimbalzi) e Andrew Bynum (8 punti e 16 rimbalzi). I gialloviola, con un record di 55-21, dicono virtualmente addio al primo posto nella Western Conference. I San Antonio Spurs (58-19) interrompono la serie di 6 sconfitte e superano i Phoenix Suns per 114-97. George Hill ne fa 29 e blinda il primato.

I playoff sono sempre più vicini per i New Orleans Hornets (44-33) di Marco Belinelli, che contribuisce con 9 punti al successo casalingo per 108-96 sugli Indiana Pacers (35-43). La guardia bolognese, impiegato per 23'02", mette a referto 4/9 al  tiro e 1/5 da 3 punti con 2 assist. Gli Hornets completano la missione con i 19 punti di Trevor Ariza e i 18 a testa di Cal Landry e Chris Paul. Sotto le plance, domina Emeka Okafor (14 punti e 17 rimbalzi).

L'assenza di Andrea Bargnani, out per problemi alla caviglia destra, non impedisce ai Toronto Raptors (21-55) di sorprendere per 102-98 gli Orlando Magic (48-29) di Dwight Howard (31 punti). La formazione della Florida con ogni probabilità sarà la quarta testa  di serie della Eastern Conference visto che Miami Heat (54-23) e Boston Celtics (53-23) vincono in trasferta con i New Jersey Nets per 108-94 e in casa con i Detroit Pistons per 101-90. Infine, obiettivo centrato per New York. I Kincks (38-38) battono i derelitti Cleveland Cavaliers (15-61) per 123-107 e si qualificano per i playoff per la prima volta dal 2004. Coach Mike D'Antoni ringrazia Amare Stoudamire (28 punti) e Carmelo Anthony (23).

Commenta nel Forum della Nba

Tutti i siti Sky