09 aprile 2011

Nba, Belinelli vince con gli Hornets, Gallinari ko

print-icon
dan

Il Gallo alle prese con il congolese Serge Ibaka in Denver Nuggets-Oklahoma City Thunder

Gli Hornets di Marco Belinelli, autore di nove punti, hanno superato in casa Phoenix 109-97. Battuta invece Denver, malgrado i 17 punti del Gallo: 104-89 a Oklahoma City. Ko di Toronto, orfana dell'infortunato Andrea Bargnani: 98-93 a Philadelphia

Sfoglia l'Album della Nba

Successo per gli Hornets, già sicuri dei play-off. La formazione di New Orleans ha superato i Phoenix Suns per 109 a 97. Il nostro Marco Belinelli è rimasto in campo 17'22" mettendo a referto nove punti oltre a 3 assist e a un tentativo riuscito su tre dai tre punti. Strepitoso Green, autore di ben 31 punti, che è anche il miglior realizzatore del match. Dall'altra parte 18 punti per Dudley.

Denver ko - Niente da fare, invece, per i Nuggets. Il quintetto di Denver è stato battuto dagli Oklahoma City Thunder con il punteggio di 104 a 89. Per il nostro Danilo Gallinari 17 punti in 38'18" oltre a 1/5 dai tre punti e due assist. Stesso score per Felton e uno in piu' per Nene. Per Oklahoma 28 punti di Durant. Nuova battuta d'arresto dei Toronto Raptors (assente l'italiano Andrea Bargnani per un infortunio alla caviglia destra) battuti per 98 a 93.

Chicago sogna - I Bulls vincono 93-82 sul campo dei Cleveland Cavaliers e conquistano la prima testa di serie nei playoff della Eastern Conference. I tori, trascinati dai 24 punti e dagli 11 rimbalzi di Carlos Boozer, ipotecano il 'top seed' con un record di 59-20. Con 3 gare da disputare prima della fine della regular season, Chicago non può più essere raggiunta dai Boston Celtics (55-24) e dai Miami Heat (55-24), che si contendono il secondo posto.

I Bulls per una volta non hanno bisogno del miglior Derrick Rose: il play, in pole position per il premio di Mvp, si limita a produrre 11 punti e 8 rimbalzi nella gara che gli ospiti archiviano con un parziale di 10-0 nel terzo periodo. Missione compiuta e la formazione di Tom Thibodeau, al 17° successo negli ultimi 19 match, centra il primo obiettivo stagionale. Chicago non era la prima testa di serie ai playoff dal 1997-1998, l'annata che porto' al sesto e ultimo titolo dell'era griffata da Michael Jordan.

"E' un passo avanti, ma abbiamo ancora una lunga strada davanti a noi. Non abbiamo finito", dice Thibodeau, alla prima stagione da capo allenatore nella lega e solido candidato al titolo di coach dell'anno. "Tibbs (Thibodeau, ndr), è il 'coach of the year' secondo me", dice Rose. "E' sempre stato chiaro, prende tutti in considerazione ogni volta che scendiamo in campo", dice il play. I Bulls hanno ora la possibilità di conquistare il miglior record assoluto nella regular season visto che i San Antonio Spurs, signori della Western Conference, hanno un bilancio di 60-19.

I risultati delle partite della regular season Nba:
Indiana Pacers-Atlanta Hawks 114-102
New Jersey Nets-New York Knicks 93-116
Philadelphia 76ers-Toronto Raptors 98-93
Boston Celtics-Washington Wizards 104-88
Cleveland Cavaliers-Chicago Bulls 82-93
Detroit Pistons-Milwaukee Bucks 110-100
Miami Heat-Charlotte Bobcats 112-103
New Orleans Hornets-Phoenix Suns 109-97
Oklahoma City Thunder-Denver Nuggets 104-89
Memphis Grizzlies-Sacramento Kings 101-96
Dallas Mavericks-Los Angeles Clippers 107-96
Portland Trail Blazers-Los Angeles Lakers 93-86

Commenta nel Forum della Nba

Tutti i siti Sky