14 aprile 2011

Nba: Bryant, multa di 100.000 dollari per insulti omofobi

print-icon
kob

Pesante multa per la stella dei Lakers Kobe Bryant (Getty)

La lega di basket americana ha punito severamente la guardia dei Los Angeles Lakers, reo di aver apostrofato un arbitro durante il match con gli Spurs: "Non volevo offendere nè i gay nè le lesbiche"

Sfoglia l'Album della Nba

Centomila dollari di multa. E' questa la pena inflitta dalla Nba al fenomeno dei Los Angeles Lakers Kobe Bryant, per aver rivolto insulti omofobi ad un arbitro nel corso di una partita vinta martedì scorso dai californiani contro San Antonio. Bryant aveva insultato uno dei tre direttori di gara dopo che questi gli aveva fischiato un fallo tecnico. Queste le sue parole dopo l'accaduto: "ciò che ho detto non va preso alla lettera. E' stato solo un momento di frustrazione durante una fase di gioco di una partita intensa. Le parole che ho detto in quella circostanza non riflettono i miei sentimenti verso gay e lesbiche: non volevo offendere nessuno".

Queste parole a quanto pare non hanno convinto i rappresentanti delle comunità omosessuali, che avevano chiesto una pena esemplare per il cestista, il cui labiale era stato amplificato dalle telecamere che lo avevano ripreso in primo piano proprio mentre usciva dal campo ed insultava l'arbitro. In un comunicato David Stern, il commissioner della Nba, spiega che "il basket è uno sport ricco di emozioni e adrenalina, ma certe parole non possono essere tollerate, nè accettate".

Commenta nel Forum della Nba

Guarda anche:
Nba, Bryant nella bufera: insulti omofobi ad un arbitro

Tutti i siti Sky