10 maggio 2011

Nba, Miami va sul 3-1 e vede la finale: Celtics quasi fuori

print-icon
mia

Una spettacolare immagine di gara-4 fra Miami Heat e Boston Celtics (Getty)

Gli Heat passano per 98-90 sul parquet di Boston grazie ai 35 punti di LeBron James. Spettacolare sfida fra Memphis e Oklahoma: finisce 133-123 per i Thunder dopo tre overtime. La serie è ora sul 2-2

Leggi la guida ai Playoff 2011 - Le emozioni della Nba, guarda le foto della stagione

Lakers fuori, Jackson lascia

Miami ad un passo dalla finale della Eastern Conference. Gli Heat passano per 98-90 all'overtime sul campo dei Boston Celtics e conducono 3-1 nella semifinale a Est. La  squadra assemblata con l'obiettivo di vincere a tutti i costi sta rispettando la tabella di marcia: il primo traguardo, ora, è a portata di mano. Miami ipoteca il passaggio del turno con le prestazioni dei 'big three'. LeBron James segna 35 punti (con 14  rimbalzi), Dwyane Wade ne fa 28 (con 9 rimbalzi) e Chris Bosh chiude  con 20 e 12. Le 3 stelle producono 85 dei 95 punti totali (tutti i 12 segnati dalla squadra nel supplementare) e 35 dei 45 rimbalzi.

Boston perde la chance di pareggiare i conti nella serie e ora si ritrova con le spalle al muro. I Celtics, vicecampioni Nba, vanno al tappeto nonostante i 27 punti di Paul Pierce e i 17 di Ray Allen.  Manca il contributo di Kevin Garnett (7 punti e 10 rimbalzi con un  pessimo 1/10 dal campo) e Rajon Rondo risente del problema al gomito  sinistro accusato in gara 3. Il play segna 10 punti ma sforna solo 5  assist, decisamente pochi rispetto alla media. Domani si torna in  Florida per gara 5: Miami puo' chiudere i conti in casa.

Serviranno almeno due partite nella semifinale  della Western Conference tra Memphis e Oklahoma City. I Thunder compiono l'exploit in trasferta imponendosi 133-123 al termine di una  maratona con 3 overtime e trovano il laborioso 2-2. Oklahoma City vola con i 40 punti di Russell Westbrook e i 35 di Kevin Durant. "Questa partita - dice Durant - resterà nella storia e io sono felice di averne fatto parte". A Memphis non bastano i ricchissimi tabellini degli eroici Zach Randolph (34 punti e 16 rimbalzi) e Marc Gasol (26 punti e 21 rimbalzi). I Grizzlies restano senza benzina nel terzo supplementare: segnano solo 1 dei 9 tiri tentati e alzano bandiera bianca. "Pensavamo che la vittoria fosse nel nostro destino. Ma nella Nba non c'è mai niente di scontato", dice Randolph. Ora bisogna ricaricare in fretta le batterie: domani si torna in campo per gara 5 a Oklahoma City.

Tutti i siti Sky