14 ottobre 2011

Lockout Nba, Stern: "Se non c'è accordo stop fino a Natale"

print-icon
ste

Previsioni pessimistiche per il commissioner della Nba David Stern (Getty)

Il commissioner della lega americana di basket spera che l'intesa tra i giocatori e i proprietari dei club sul contratto collettivo venga raggiunta entro il prossimo mercoledì, altrimenti il campionato rischia di restare fermo fino a fine anno

LOCKOUT NBA - Cosa sta succedendo nella Nba?- Lockout, trattative incessanti nel secondo weekend di ottobre - Kobe a Bologna, ipotesi reale: potete scommetterci - Rondo sbarca ad Alcatraz: un torneo dietro le sbarre - Nba, ancora fumata nera: campionato a rischio

"Se non ce la facciamo martedì, non giocheremo a Natale. Me lo dice la pancia...". David  Stern, commissioner della Nba, teme che il lockout possa bloccare il campionato almeno fino alla fine dell'anno. Proprietari e giocatori non trovano l'intesa sul rinnovo del contratto collettivo: la paralisi ha costretto la lega a cancellare già le prime due settimane della stagione regolare che avrebbe dovuto aprire i battenti il 1° novembre.

I negoziati dovrebbero riprendere la prossima settimana e martedì, dice il commissioner alla Espn, sarà una giornata cruciale. "Se non ce la facciamo, ho la sensazione che non giocheremo a Natale. Non è una comunicazione ufficiale, me lo dice la mia pancia", dice Stern prospettando un ulteriore congelamento della regular season. Natale è, tradizionalmente, una delle giornate più importanti nel calendario della regular season. Quest'anno, il programma del 25 dicembre dovrebbe proporre 3 partite e in particolare la sfida tra Dallas Mavericks e Miami Heat, rivincita della finale 2011 vinta dai texani. All'inizio della prossima settimana i colloqui ripartiranno con la presenza di George Cohen, il mediatore federale che proverà a ridurre le distanze tra players e owners.

Le parti, come è noto, hanno posizioni nettamente differenti quando si parla di divisione delle risorse e di struttura del salary cap. "Cohen può spingere le parti verso un'intesa? Spero di si"', dice prima di ricordare l'intenso calendario diplomatico: lunedì Stern incontrerà il mediatore. Martedì, il vero D-Day, entreranno in scena i comitati esecutivi. Mercoledì e giovedì, invece, a New York arriveranno i proprietari. "Questo è il momento di trovare un accordo", ribadisce il commissioner. "Abbiamo perso già 2 settimane, siamo sul punto di  perdere altre partite. Le proposte, da entrambe le parti, rischiano di diventare peggiori. L'intesa potrebbe sfuggirci di mano, proprio come la stagione".

Tutti i siti Sky