02 marzo 2012

Nba, LeBron James show. Nono successo per Miami

print-icon
nba

Un super LeBron James con 33 punti ha portato al successo Miami (Foto Getty)

Gli Heat, miglior squadra della lega, centrano il nono successo consecutivo passando per 107-93 sul campo dei Portland Trail Blazers. James segna 33 punti e raccoglie 11 rimbalzi, Dwyane Wade risponde con 33 punti e 10 assist

FOTO - Che notte, quella notte: 50 anni fa i 100 punti di Chamberlain - All Star Weekend, Jeremy Evans vola più in alto di tutti - La Nba sbarca a Disneyland: e gli All Star diventano eroi animati - Fuga di capitali all’estero: gli emigranti con la valigia firmata - Lisa, la pornostar che tifa Lakers - Francesca Frigo, la sexy tifosa di LeBronSfoglia l’album della Nba

Miami suona la nona con le sue stelle. LeBron James segna 33 punti e raccoglie 11 rimbalzi, Dwyane Wade risponde con 33 punti e 10 assist. Risultato: gli Heat (28-7), miglior squadra della lega, centrano il nono successo consecutivo  passando per 107-93 sul campo dei Portland Trail Blazers. James, che  aggiunge anche 6 assist e 5 recuperi in 41 minuti, domina la scena griffando il match che Miami chiude con un parziale di 23-8. La corazzata della Florida non risente dell'assenza di Chris Bosh, costretto a saltare la gara per la morte della nonna. Portland, che porta 5 uomini in doppia cifra, alza bandiera bianca nonostante i 20 punti di LaMarcus Aldridge.

Sono 38 anche i punti con cui Kevin Durant trascina gli Oklahoma City Thunder (29-7) al 105-102 in casa degli Orlando Magic (23-14). I  Thunder, sotto di 11 punti nel quarto periodo, archiviano la settima  vittoria di fila grazie ai 35 punti realizzati nella frazione  conclusiva. Negli ultimi 12 minuti, Durant ne sigla addirittura 18.  Solo 3 in meno al bottino totale dei Magic (21). Accanto alla star  brilla anche Russell Westbrook (29 punti e 10 assist). Orlando prova  ad aggrapparsi ai 33 punti e 9 rimbalzi di Dwight Howard, ma alla fine deve arrendersi alla miglior squadra della Western Conference.

A Ovest sorridono anche i Los Angeles Clippers (21-12), che si  impongono sul parquet dei Sacramento Kings (12-23) per 108-100 con i  22 punti e 9 assist di Chris Paul. Solo i Phoenix Suns (15-20)  riescono a sfruttare il fattore campo: con i 20 punti di Grant Hill e  i 17 assist (oltre a 13 punti) di Steve Nash, i soli dell'Arizona  piegano i Minnesota Timberwolves (18-19) per 104-95.

Tutti i siti Sky