04 marzo 2012

Belinelli c'è, gli Hornets no: Indiana batte New Orleans

print-icon
spo

Marco Belinelli ha realizzato 15 punti nella gara tra gli Hornets e i Pacers (Foto Getty)

I 15 punti dell'azzurro non sono sufficienti alla franchigia della Louisiana per superare i Pacers di Granger, miglior realizzartore con 20 a referto. Sgambetto degli Hawks e Oklahoma City cade dopo 7 vittorie

FOTO - All Star Weekend, Jeremy Evans vola più in alto di tutti - La Nba sbarca a Disneyland: e gli All Star diventano eroi animati - Fuga di capitali all’estero: gli emigranti con la valigia firmata - Lisa, la pornostar che tifa Lakers - Francesca Frigo, la sexy tifosa di LeBronSfoglia l’album della Nba

I 15 punti di Marco Belinelli non servono a New Orleans. Gli Hornets (9-28) vengono  sconfitti in casa dagli Indiana Pacers (23-12), che si impongono per  102-84. La guardia bolognese, titolare per 37'58", chiude con un modesto 6/16 al tiro (2/6 da 3 punti). New Orleans, tramortita dal  parziale di 21-4 incassato nel secondo periodo, non riesce più a  rialzarsi nonostante i 18 punti di Jarrett Jack. Indiana conduce in  porto il successo, il sesto consecutivo, con i 20 punti di Danny Granger e i 14 di David West, ex di turno.

Il tabellino più ricco della serata Nba appartiene a Kevin  Love: con 42 punti e 10 rimbalzi, griffa il 122-110 con cui i  Minnesota Timberwolves (19-19) passano in casa dei Portland Trail Blazers (18-19). Non passa inosservata nemmeno la prestazione di Dirk  Nowitzki. Il tedesco sforna 40 punti e trascina i Dallas Mavericks (22-16) alla vittoria per 102-96 sugli Utah Jazz (17-19). 'WunderDirk' impiega solo 28 minuti per confezionare l'impressionante score. La  prestazione del fuoriclasse consente ai Mavericks di interrompere la  striscia di 4 sconfitte di fila. Nessuno, o quasi, si accorge del  rientro di Lamad Odom. L'ala, out per 10 giorni per motivi personali, si ripresenta con 9 punti.

Ai vertici della lega, fa notizia il ko di Oklahoma City dopo 7 vittorie. I Thunder (29-8) cadono per 97-90 in casa degli Atlanta Hawks (22-15) e cedono il miglior record del pianeta Nba ai Chicago Bulls (30-8). Oklahoma City, che rimane la numero uno nella Western Conference, può contare sui 35 punti di Kevin Durant e sui 25 di Russell Westbrook. Nel quarto periodo, però, nessuno riesce ad arginare Josh Smith. L'ala segna 13 degli ultimi 15 punti degli Hawks e chiude con una ricchissima doppia doppia: 30 punti e 12 rimbalzi.

Risultati:


Orlando Magic - Milwaukee Bucks 114-98
Atlanta Hawks - Oklahoma City 97-90
Washington Wizards - Cleveland Cavaliers 101-98
New Orleans Hornets - Indiana Pacers 84-102
Memphis Grizzlies - Detroit  Pistons 100-83
Dallas Mavericks - Utah Jazz 102-96
Portland Trail Blazers - Minnesota Timberwolves 110-122

Commenta i risultati della Nba nel Forum

Tutti i siti Sky