24 marzo 2012

Bargnani torna a brillare, lezione dei Raptors ai Knicks

print-icon
bar

Andrea Bargnani torna a fare magie contro New York

Ottima prova dell'azzurro nella notte Nba. Il "Mago", reduce da un doppio infortunio al polpaccio, mette a referto 21 punti nella sfida a New York vinta 96-79. Gara infinita tra Thunder e Timberwolves conclusasi sul 149 a 140 dopo 2 overtime

Andrea Bargnani torna a brillare e Toronto torna a vincere. Il 'mago' segna 21 punti nel successo casalingo che i Raptors (16-32) colgono per 96-79 contro i New York Knicks (23-25). Bargnani, titolare per 34'15", mostra  evidenti progressi e sembra avviato verso la condizione migliore: i problemi per il doppio infortunio al polpaccio sinistro, finalmente, sono solo un ricordo. "Cerco di essere sempre aggressivo in ogni partita - dice il lungo azzurro -. Sto ritrovando il mio ritmo e i tiri stanno tornando ad entrare. Abbiamo disputato un'ottima gara in difesa, la zona ci ha permesso di creare grossi problemi all'attacco avversario".

Il lungo azzurro chiude con 9/20 al tiro (1/5 da 3 punti, unica tripla della squadra) e 7 rimbalzi nella serata dominata da DeMar DeRozan. La guardia dei Raptors firma 30 punti, prima di lasciare il campo nel finale per un problema alla caviglia sinistra. Toronto, che in panchina trova i 19 punti di Gary Forbes, nonostante il pessimo 1/13 da 3 punti comanda le operazioni sin dall'inizio: i padroni di casa arrivano a condurre anche di 22 punti e non consentono ai Knicks di tornare in partita.

New York, reduce da 5 vittorie di fila, non brilla per precisione: gli ospiti tirano con il 37,6% da 2, con il 17,9% da 3 e addirittura con il 55,6% dalla lunetta. I 17 punti di Amar'e Stoudamire e i 15 di Jeremy Lin non bastano per evitare il passo falso.

Tutti i tabellini impallidiscono davanti a quelli confezionati nell'interminabile sfida che gli Oklahoma City Thunder (36-12), miglior squadra della Western Conference, vincono per 149-140 contro i Minnesota Timberwolves (23-26) dopo 2 overtime. I Thunder fanno festa con i 45 punti di Russell Westbrook e con i 40 di Kevin Durant. Ai T'wolves non sono sufficienti i 51 punti e i 14 rimbalzi di un monumentale Kevin Love che stabilisce il career high.

Ad Est, devono faticare decisamente meno le stelle di Miami. Dwyane Wade firma 24 punti (con 9 rimbalzi), mentre LeBron James mette a referto 17 punti, 10 assist e 6 rimbalzi nel successo esterno degli Heat (35-11), che passano per 88-73 sul parquet dei Detroit Pistons (16-31). E' Andrew Bynum (28 punti) il top scorer dei Los Angeles Lakers (30-18) nella vittoria per 103-96 sui Portland Trail Blazers (22-26). Kobe Bryant (18 punti con 5/17 al tiro) non brilla, ma i gialloviola possono contare sui 20 punti (con 11 assist) del nuovo acquisto Ramon Sessions e sul solito Pau Gasol (10 punti, 16 rimbalzi, 6 assist).

Entra nel Forum della Nba

Tutti i siti Sky