14 aprile 2012

Nba: sorride Belinelli, sconfitta amara per Gallinari

print-icon
lak

Serata amara per Danilo Gallinari e i Denver Nuggets contro i Los Angeles Lakers (Getty)

Sette punti e vittoria per il bolognese, 7 punti e un ko per l'ex Armani. Stesso bottino ma diverso destino per i due azzurri impegnati nella notte americana. New Orleans ha battuto 96-85 Utah, i Lakers invece non hanno lasciato scampo ai Nuggets

FOTO - Obama ancora a canestro: ora è anche un "globetrotter"

Sette punti e vittoria per  Marco Belinelli, 7 punti e sconfitta per Danilo Gallinari. Stesso bottino ma diverso destino per i due azzurri impegnati sui parquet Nba. Belinelli offre un contributo limitato al successo casalingo che i New Orleans Hornets (record 17-42) ottengono per 96-85 contro gli Utah Jazz (31-29). La guardia bolognese parte dalla panchina e gioca 21'28", nei quali mette a referto 3/7 al tiro (1/3 da 3 punti), 1 rimbalzo e 1 assist. New Orleans si toglie una delle poche soddisfazioni stagionali grazie ai 25 punti di Eric Gordon e ai 19 di Chris Kaman. Utah si  arrende nonostante i 27 punti e gli 8 rimbalzi di Paul Millsap. I Jazz restano in corsa per l'ottavo e ultimo posto utile per l'accesso ai  playoff della Western Conference.

La posizione è occupata dai Denver Nuggets (32-27) di Gallinari, battuti 103-97 sul campo dei Los Angeles Lakers (38-22). L'ala azzurra, titolare per 27'24", incappa in una serata storta: i 7 punti sono il frutto di un modesto 2/9 al tiro (1/4 da 3). Denver  trova in panchina i 20 punti di Andre Miller e i 18 di Al Harrington  ma deve alzare ugualmente bandiera bianca. I Lakers, sempre privi dell'acciaccato Kobe Bryant, si affidano a Andrew Bynum (30 punti e 8  rimbalzi) e si godono la miglior prestazione stagionale di Matt Barnes (24 punti e 10 rimbalzi).

C'è la firma di Kevin Durant (29 punti) e di Russell Westbrook (22) sul 115-89 con cui gli Oklahoma City Thunder (43-16) travolgono i Sacramento Kings (19-41) e consolidano il primato a Ovest. Nella Eastern Conference, invece, i Miami Heat (41-17) non  devono faticare per asfaltare 105-82 i 'tragici' Charlotte Bobcats  (7-51), che incassano la 15esima sconfitta di fila. La corazzata della Florida blinda il secondo posto a Est senza spremere le sue stelle: LeBron James si limita a giocare 28'44" nei quali segna 19 punti e raccoglie 9 rimbalzi, Dwyane Wade si concede un turno di stop per una caviglia malandata. Sono decisamente più preoccupanti le condizioni di Dwight Howard: il centro di Orlando è alle prese con un'ernia discale e i Magic (34-25), sconfitti in casa per 109-81 dagli Atlanta Hawks (35-24) sono destinati a soffrire nel  finale della regular season.

Tutti i siti Sky