29 aprile 2012

Playoff Nba, l'infortunio di Rose rovina la festa a Chicago

print-icon
ros

Derrick Rose a terra dopo il duro colpo al ginocchio sinistro (Getty)

In gara-1 i Bulls hanno battuto Philadelphia per 103-91, ma perdono Derrick Rose per una brutta botta al ginocchio: prima di abbandonare il campo aveva messo a segno 23 punti. Miami vola, Orlando sorprende Indiana e Durant salva i Thunder contro Dallas

Chicago vince ma perde Derrick Rose, Miami passeggia contro New York, Kevin Durant salva Oklahoma City contro Dallas e Orlando sorprende Indiana. I playoff Nba cominciano con il grave infortunio che mette fine alla stagione di  Derrick Rose. Il play dei Chicago Bulls si procura la rottura del  legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro a 1'22" dalla fine del match vinto 103-91 contro i Philadelphia 76ers. Il cestista, che nella scora stagione era stato proclamato 'Mvp' dell'intera Nba, sarà quindi costretto a saltare il resto della stagione e l'Olimpiade di Londra.

I 'tori', miglior squadra della regular season, si aggiudicano gara 1 senza problemi. Ma perdere Rose (23 punti, 9 rimbalzi e 9 assist), reduce da un'annata  costellata da guai fisici, equivale a dire addio alle speranze del titolo e I Bulls non vincono l'anello dai tempi di Michael Jordan. Chicago probabilmente riuscirà ad aggiudicarsi la serie con i  Sixers. Grazie ad un collettivo eccezionale, con Rip Hamilton in  evidenza (19 punti con 6/7 al tiro), potrebbe anche arrivare alla  finale della Eastern Conference. Lì, però, diventerebbe quasi impossibile contrastare Miami in una serie di 7 partite.

Gli Heat sono già in palla, a giudicare dal 100-67 rifilato ai  New York Knicks nel primo episodio della post-season. LeBron James (32 punti) fa subito la voce grossa contro avversari che non reggono  nemmeno meta' gara (54-31). Anche New York, come Chicago, deve fare i conti con un infortunio eccellente. Il rookie Iman Shumpert, miglior  difensore sul perimetro per i Knicks, crolla a terra: anche in questo caso, salta il legamento crociato.

Il pronostico salta nella terza partita in programma per la Eastern Conference. Gli Orlando Magic, pur privi di  Dwight Howard, vanno a vincere 81-77 sul campo degli Indiana Pacers e  conquistano l'1-0 in trasferta. Il 'blitz' è firmato dai 17 punti a testa di Jason Richardson e Jameer Nelson e dai 16, con 13 rimbalzi, di Glen Davis. Indiana tira con un pessimo 34,5%: non bastano i 19  punti di David West e, in difesa, le 9 stoppate di Roy Hibbert.

Un canestro di Kevin Durant a 1"5 dalla sirena, invece, regala  agli Oklahoma City Thunder il successo per 99-98 contro i Dallas Mavericks nell'unica sfida della Western Conference. Durant è decisivo nella serata in cui segna 25 punti con un modesto 10/27 al tiro (1/6 da 3). I Thunder fanno centro con i 28 punti di Russell  Westbrook e i 22 di un eccellente Serge Ibaka. I campioni di Dallas vanno al tappeto nonostante i 25 punti di Dirk Nowitzki e i 20 di Jason Terry.

Tutti i siti Sky