31 maggio 2012

Playoff Nba, Miami vince tra le polemiche

print-icon
raj

Ai Celtics non è bastata la prova super di Rajon Rondo, autore di 44 punti, 10 rimbalzi e 8 assist (Getty)

Gli Heat battono 115-111 dopo due supplementari i Boston Celtics in gara due della finale di Eastern Conference e si portano sul 2-0 nella serie, 34 punti di Dwayne Wade, ma è bagarre per un fallo non fischiato per i Celtics a 1'35" dalla fine

Miami vince ancora tra le polemiche e va sul 2-0 nella finale della Eastern Conference. Gli Heat superano i Boston Celtics di un immenso Rajon Rondo (44 punti, 10 rimbalzi e 8 assist) per 115-111 in gara 2, all'overtime, e compiono un altro passo verso la finalissima Nba.

Sono decisivi i 34 punti e i 10 rimbalzi di LeBron James, protagonista piu' di Dwyane Wade (23 punti). Per i vicecampioni Nba, capaci di risalire dal -15 accumulato nel primo tempo, pesano anche i 22 di Mario Chalmers. Pesa tantissimo anche il fallo che, sul 105-105 a 1'35" dalla fine del supplementare, non viene fischiato per una plateale manata di Wade a Rondo: il play viene fermato con un evidentissimo colpo al volto, ma non arriva nessun fischio. Miami incassa il regalo e mette la vittoria in cassaforte con un parziale di 7-0.

Il match va in archivio con una serie di dati curiosi: gli Heat tirano 47 liberi, Boston se ne vede fischiare solo 29. James, da solo, va in lunetta 24 volte (18/24): quasi come tutti i Celtics messi insieme. Miami riesce a registrare la difesa con soli 18 falli a carico, gli ospiti ne commettono 33. I biancoverdi, con Paul Pierce (21 punti) e Kevin Garnett (18) ad accompagnare Super-Rondo, lasciano la Florida con 2 sconfitte e tante recriminazioni. La serie si sposta a Boston per gara 3: la formazione di coach Doc Rivers deve vincere per tenere vive le speranze.

Tutti i siti Sky