07 giugno 2012

San Antonio non fa il miracolo: Oklahoma alle finali Nba

print-icon
spo

Thunder campioni della Western Conference dopo il successo casalingo per 107-99 in Gara-6 contro gli Spurs (Foto Getty)

Thunder campioni della Western Conference dopo il successo casalingo per 107-99 in Gara-6 contro gli Spurs: serie chiusa per 4-2 grazie alla quarta vittoria consecutiva. Kevin Durant in condizioni  strepitose: gioca 48 minuti e realizza 34 punti

Oklahoma City vola alle finali Nba. I Thunder sono i campioni della Western Conference dopo il successo casalingo per 107-99 in gara 6 contro i San Antonio Spurs: serie chiusa per 4-2 grazie alla quarta vittoria consecutiva e ora il  team nato nel 2008 prepara l'assalto al titolo. I Thunder arrivano al  gran ballo finale con la superstar Kevin Durant in condizioni  strepitose.

L'ala ha giocato tutti i 48 minuti della sesta sfida con San Antonio, chiudendo con 34 punti (9/17 al tiro), 14 rimbalzi, 5 assist  e 2 stoppate. E' stato Durant a tenere a galla i Thunder nel primo  tempo dominato dagli Spurs, capaci di condurre di 18 punti e di  arrivare all'intervallo a +15 (63-48). Ed è stato ovviamente Durant,  nella ripresa, a innescare la rimonta della formazione allenata dal  coach Scott Brooks.

Russell Westbrook (25 punti, 8 rimbalzi e 5 assist) e James  Harden (16, 5 e 4) hanno aggiunto altro carburante. San Antonio ha  brillato a metà, aggrappandosi ai suoi totem. Tony Parker (29 punti e 12 assist) ha dominato il primo tempo, ma nel secondo ha segnato  appena 8 punti. Tim Duncan (25 punti e 14 rimbalzi) ha fornito  l'ennesima prova sopraffina, tenendo vive le speranze dei nero-argento anche nel quarto periodo. E' mancato l'apporto di Manu Ginobili (10  punti con 4/12 al tiro) mentre l'ottimo Stephen Jackson (23 punti con  6/7 dal campo) è stato tra gli ultimi ad arrendersi. Alla fine,  però, la difesa dei Thunder ha fatto la differenza, concendo agli  Spurs la miseria di 36 punti nella seconda meta' della gara.

Tutti i siti Sky