01 luglio 2012

Pioggia d'oro per Garnett, il più pagato della storia Nba

print-icon
gar

Kevin Garnett, giocatore più pagato della storia Nba (Getty)

L'ala-pivot ha prolungato il suo contratto con i Boston Celtics dove giocherà per altri tre anni: riceverà 34 milioni di dollari. Questi vanno ad aggiungersi agli altri già guadagnati per un totale di 322 milioni. Battuto il record di Shaquille O'Neal

L'ala-pivot Kevin Garnett ha prolungato il suo contratto con i Boston Celtics ed è diventato il giocatore più pagato della storia della pallacanestro negli Stati Uniti. Garnett, 36 anni, continuerà con i Celtics per tre anni e riceverà 34 milioni di dollari. Con questi soldi si ottiene la cifra totale pattuita con la franchigia, che arriverebbe a 322 milioni di dollari, un importo superiore ai 293 milioni di Shaquille O'Neal per quanto riguarda i contratti.

"La decisione dipendeva da Garnett, se voleva continuare a giocare", ha scritto il quotidiano 'Boston Herald' facendo riferimento a fonti vicine alle negoziazioni. "E una volta che lui ha deciso che cosa voleva, è rimasto a Boston e non poteva essere diversamente. Lui non voleva lasciare Doc Rivers e i ragazzi per giocare in un altro posto".

Durante la sua quinta stagione con i Celtics, Garnett ha fatto una media di 15,8 punti e 8,2 rimbalzi durante la stagione regolare, ma poi nei "playoff" ha incrementato queste cifre fino ad arrivare a 19,2 punti e 10,3 rimbalzi. In 17 stagioni nella Nba, 12 con i Minnesota Timberwolves e cinque con i Celtics, Garnett ha una media di 19,3 punti, 10,6 rimbalzi e 4,0 assist in 1.255 partite. Ha vinto il titolo con i Celtics nel 2008.

Tutti i siti Sky