01 dicembre 2012

Dramma nella Nfl: un omicidio-suicidio tra i Chiefs

print-icon
spo

Dramma nella Nfl: un giocatore dei Chiefs ha ucciso la propria fidanzata e poi si è sparato

E' successo a Kansas City. Il giocatore di football Jovan Belcher, 25 anni, prima ha ucciso la sua fidanzata a casa, poi ha preso la macchina e s'è recato nel campo d'allenamento, dove ha deciso di spararsi

Prima ha ucciso la sua fidanzata a casa. Poi ha preso la macchina, si è recato nel campo d'allenamento, dove ha deciso di suicidarsi. E' accaduto a Kansas City. Il protagonista della tragedia, Jovan Belcher, 25 anni, si è sparato nel parcheggio dello stadio dove gioca la sua squadra di football, i Chiefs.

Il  primo sparo è stato sentito alle 8 di mattina, ora locale. Il secondo pochi minuti dopo, nei pressi del campo di allenamento della squadra. I 'Chiefs' di Kansas City dovrebbero giocare domenica sul proprio campo alle 13, ora della East Coast, contro i Carolina Panthers di Charlotte. I dirigenti della Nfl decideranno nelle prossime ore se la partita si terrà lo stesso, malgrado la tragedia che ha coinvolto la squadra di casa. Una stagione deludente sinora per i Chiefs che nelle undici partite sinora disputate ne hanno vinte solo una.

Appena 25enne, Jovan, un ragazzo di colore, era cresciuto a Long Island, nello
Stato di New York. Era un linebacker, difensore, dal fisico imponente: alto 188 cm, per 103 kg di peso.

Tutti i siti Sky