02 dicembre 2012

Vittorie per Miami e Chicago. Gli Spurs piegano i Grizzlies

print-icon
bel

Marco Belinelli impiegato solo per 11 minuti nella vittoria dei Bulls (Getty)

Nella notte di Nba Marco Belinelli gioca poco nella vittoria di Chicago su Philadelphia (93-88) e realizza solo due punti. Nel big match San Antonio sconfigge Memphis 99-95 all'overtime. Senza problemi gli Heat di un "normale" LeBron autore di 21 punti

Marco Belinelli è quasi spettatore nel match casalingo che i Chicago Bulls (8-7) vincono per 93-88 contro i Philadelphia 76ers (10-7). La guardia bolognese gioca  solo 11'07" nei quali mette a segno 2 punti con 1/4 dal campo. I tori si impongono grazie ai 25 punti di Luol Deng e ai 15 punti di Rip Hamilton. Joakim Noah (12 punti e 13 rimbalzi) e Carlos Boozer (12 e  12) danno un contributo fondamentale sotto i tabelloni. A Philadelphia non bastano i 23 punti di Jrue Holiday e i 22 di Thaddeus Young.

Nel big match della serata, i San Antonio Spurs (14-4) piegano i Memphis Grizzlies (12-3) per 99-95 all'overtime. I texani ringraziano Tony Parker (30 punti) e l'eterno Tim Duncan (27 con 15  rimbalzi), evidentemente riposati dopo aver saltato il precedente impegno sul campo di Miami. Memphis va al tappeto nonostante i 20 punti di Marc Gasol, i 18  (con 12 assist) di Mike Conley e i 17 (con 15 rimbalzi) di Zach  Randolph. Il ko costringe i Grizzlies a condividere il miglior record della lega con Miami. Gli Heat si affidano ad un sontuoso Dwyane Wade (34 punti) e ad un 'normale' LeBron James (21) per piegare 102-89 i Brooklyn Nets (11-5).

Tutti i siti Sky