21 dicembre 2012

Oklahoma si ferma: dopo 12 vittorie va ko contro Minnesota

print-icon
lov

Kevin Love, prestazione da applausi

Durant e Westbrooke non bastano: dominano i Timberwolves, in vantaggio dal primo all'ultimo quarto. Brutta serata per il Gallo: solo sei punti nella sconfitta contro Portland. Miami espugna Dallas, ancora orfana di Nowitzki

Dopo 12 successi consecutivi, si ferma l'incredibile striscia di vittorie di Oklahoma: la miglior squadra della lega va al tappeto  contro i Minnesota Timberwolves, che si impongono per 99-93 sul proprio parquet.
Kevin Love (28 punti e 11 rimbalzi) e Nikola Pekovic (24 e 10) strappano applausi. Dalla panchina, J.J. Barea contribuisce con 18 punti. Ricky Rubio (4 punti in 18 minuti) prosegue il rodaggio dopo il lunghissimo stop per l'operazione al ginocchio.
Così i Thunder, sotto di 14 punti nelle prime fasi del match, devono alzare bandiera bianca nonostante le cifre sontuose delle due star, Kevin Durant (che chiude con 33 punti, 7 rimbalzi e 6 assist) e Russell Westbrook (31 punti, 11 rimbalzi e 9 assist, ad un solo passaggio dalla tripla doppia).

Non steccano nemmeno i big three di Miami, che trascinano gli Heat (17-6) al netto 110-95 sul parquet dei Dallas Mavericks (12-14).
I campioni Nba, avanti anche di 36 punti nella serata, marciano spediti con i 24 punti (e 9 rimbalzi) di LeBron James, sempre oltre quota 20 in tutte le 23 partite giocate. Dwyane Wade aggiunge 19 punti, Chris Bosh ne firma 17. Miami tira con il 53,8% dal campo e infila 10 triple: per Dallas è notte fonda.

Serataccia anche per Danilo Gallinari: lui sparacchia, Denver non segna mai da 3 punti e alla fine i Nuggets perdono. L'azzurro firma appena 6 punti con un eloquente 1/10 al tiro (0/2 da 3 punti) e Denver (14-13) cede per 101-93 sul campo dei Portland Trail Blazers. Lo 0/22 di Denver dalla lunga distanza è un nuovo primato per la Nba: mai nessuna squadra ha tentato oltre 20 conclusioni dall'arco senza infilarne nemmeno una. Gallinari prova a rendersi utile con 5 rimbalzi e il consueto lavoro difensivo. In attacco, per il team del Colorado non bastano i 13 punti a testa di Ty Lawson, Andre Iguodala e Corey Brewer. Portland vince con i 22 punti di Nicolas Batum, i 20 di Wes Matthews e i 18, con altrettanti rimbalzi, di J.J. Hickson.

Tutti i siti Sky