29 gennaio 2013

Super Bowl -5, Obama: non farei giocare mio figlio in Nfl

print-icon
bar

Il giuramento di Obama al secondo mandato, con moglie e figlie

Le frasi del presidente sulla pericolosità del football scuotono il mondo dello sport più amato d'America a pochi giorni dall'evento clou. Ironico il commento del coach Jim Harbaugh: allora mio figlio avrà meno concorrenza quando diventerà più grande

Le frasi di Obama sulla pericolosità del football americano scuotono il mondo dello sport più amato d'America, una passione paragonabile solo a quella per il baseball, che domenica prossima vive il suo culmine con la finale del campionato, il seguitissimo Superbowl.

A molti giocatori non è infatti piaciuto il passaggio di un'intervista in cui il Presidente ha detto che se avesse un figlio non vorrebbe che praticasse a questo sport. "Ovviamente non stiamo parlando di tennis, il nostro è uno sport fisico. Però - replica Aldon Smith, una delle stelle dei San Francisco 49ers - non vedrei nulla di male se mio figlio decidesse di seguire le mie orme".

D'accordo anche Alex Boone: "Se vuole giocare, può tranquillamente farlo. Penso che la Nfl stia già facendo un grande lavoro proprio tra i bambini per insegnare loro da piccoli come evitare in futuro problemi". Ironico il commento del coach, sempre di San Francisco, Jim Harbaugh, papa' di Jack, di appena 4 mesi: "Se Obama la pensa così, e se altri genitori la pensano come lui, allora mio figlio avrà meno concorrenza quando diventerà più grande".

Tutti i siti Sky