19 marzo 2013

Il derby italiano dell'Nba sorride a Gallinari, Chicago ko

print-icon
gal

Il derby "azzurro" della Nba ha sorriso a Danilo Gallinari (Getty)

I Nuggets conquistano la loro dodicesima vittoria consecutiva battendo i Bulls 119-118. Bene i due azzurri. Belinelli mette a referto 18 punti, 8 rimbalzi e 2 assist, mentre il "Gallo", in 39 minuti, fa registrare 11 punti, 7 rimbalzi e 3 assist

Marco Belinelli vince il duello con Danilo Gallinari, ma solo in fatto di punti. Alla fine, infatti, è Denver a battere i Bulls ed è quindi il "Gallo" ad aggiudicarsi il derby italiano con il "Beli". Grande spettacolo a Chicago e partita tiratissima che si chiude anche con le proteste dei padroni di casa. Protagonista proprio Belinelli che sul finire del supplementare trova il canestro del sorpasso, ma gli arbitri, dopo aver rivisto le immagini, non convalidano per l'interferenza di Noah, Chicago protesta mentre i Nuggets fanno festa portando a casa la dodicesima vittoria consecutiva e imponendosi per 119-118.

Bene i due italiani, entrambi schierati dall'inizio nei rispettivi quintetti. Belinelli gioca 51 minuti e mette a referto 18 punti, 8 rimbalzi e 2 assist, mentre Gallinari, in 39 minuti, fa registrare al suo attivo 11 punti, 7 rimbalzi e 3 assist. Il più prolifico in assoluto è Wilson Chandler che regala 35 punti ai Nuggets, 1 in più di Nate Robinson che si ferma a 34.

Gli altri match - LeBron James trascina Miami alla 23esima vittoria consecutiva. Gli Heat (52-14) si impongono per 105-103 sul parquet dei Boston Celtics (36-30) e allungano la strepitosa striscia positiva. I campioni Nba, proprietari del miglior record dell'intera lega, compiono un altro passo verso la storia e verso il primato assoluto di successi che appartiene ai Los Angeles Lakers edizione 1971-72, capaci di vincere 33 volte una dopo l'altra. La vetta è ancora lontana, ma sognare è lecito viste le prestazioni  di James.

Nella serata Nba dominata da James spicca, in negativo, il flop  dei Los Angeles Lakers (36-33). I californiani, senza gli infortunati  Kobe Bryant e Pau Gasol, affondano per 99-76 in casa dei mediocri Phoenix Suns nonostante i 19 punti di Steve Nash e i 16 (con 1  rimbalzi) di Dwight Howard. Per trovare la squadra più delusa della lega, però, bisogna andare a Philadelphia. I 76ers annunciano che il  centro Andrew Bynum deve operarsi a entrambe le ginocchia: il lungo,  arrivato da Los Angeles nel 'maxi-affare Howard', quest'anno non ha giocato nemmeno una partita. A fine stagione si svincola e può scegliere qualsiasi destinazione, con tanti saluti ai 76ers.

Tutti i siti Sky