15 gennaio 2015

Nfl, il penutimo atto. Chi andrà al Super Bowl?

print-icon
gre

Aaron Rodgers, QB dei Packers e probabile MVP della stagione

Con le finali di conference una stagione indimenticabile giunge al suo epilogo, in ballo sono rimaste in 4: Seattle, Green Bay, New England e Indianapolis. Chi riuscirà a raggiungere il traguardo?

La Nfl si avvicina al suo grande ballo finale, il Super Bowl. In programma il 1° febbraio in Arizona, l’evento sportivo più seguito al mondo è solo il culmine di una serie di avvenimenti che paiono ogni anno scritti da un abile sceneggiatore e interpretati da artisti eclettici e straordinari.

Dopo una stagione ricca di grandi sorprese, di colpi di scena, di gesti atletici fuori dal comune e di infortuni, le vicende unite dalla catena delle 10 yards sono talmente tante che ormai viene solo voglia di vedere come andrà a finire. Sono rimaste solo in quattro, ma dentro Green Bay, Seattle, Indianapolis e New England è racchiusa tutta una stagione tra le più soprendenti e controverse che si ricordi.

Seattle Seahawks-Green Bay Packers
-
La prima storia da raccontare ha il sapore di vecchio contro nuovo in una partita il cui esito appare scontato. Ci sono i Packers, un nome che nel mondo del football fa leggenda. Una cittadina con meno di 200.000 abitanti che contende alle megalopoli a stelle e strisce, ogni anno, vittorie e protagonisti con il suo football fatto di azionariato popolare e di uno stato intero, il Winsconsin, che odia l’estate perché quando fa freddo giocano i Packers. La città si è soprannominata Titletown, nessuna squadra nel Football moderno ha vinto cosi tanto e chi gioca al Lambeau Field con la casacca verde e oro è praticamente un eroe.

Aaron, l'eroe del Wisconsin - Più che un eroe è Aaron Rodgers: la divinità. Il quarterback dei Packers è reduce da una stagione tra le più esaltanti di sempre: 35 passaggi da TD, solo 5 intercetti, una manna per i giocatori di Fantasy Football. Nessuno ha fatto meglio di lui tanto che è in corsa per vincere il titolo di MVP della stagione e dicono sia già pronta per lui una statua equestre davanti al municipio. Sembra una storia già scritta, ma lo sceneggiatore ha in mano un copione a sorpresa perché i Packers non saranno i favoriti, anzi, sono dati perdenti di ben 7.5 punti. Si gioca nello stadio che ad ogni touchdown fa registrare un movimento tellurico che fa impazzire i sismografi della città. Si gioca contro i campioni uscenti e la terribile Legion Of Boom, la secondaria più forte ed aggressiva della lega proprio contro i passaggi.

Vecchio contro nuovo - Difficile lanciare contro Seattle, soprattutto nella tana di una organizzazione innovativa, ricca e piena di entusiasmo. Che si presenterà con l’attacco guidato dell’eclettico Wilson, tra i migliori allo scorso Superbowl, e una macchina da guerra come Lynch, che quando corre non ha rivali. Il Century Field è pronto a tremare, si dice che chi giochi a Seattle nemmeno riesca a sentire le giocate chiamate dal capitano tale è il frastuono del dodicesimo uomo fuori campo. Vecchio contro nuovo e tutto già scritto? Forse sì, perché piove (a Seattle tra l'altro piove sempre) sul bagnato per i Packers: Rodgers è infortunato e giocherà praticamente su una gamba per colpa di un polpaccio malandato. La Legion of Boom non aspetta altro, ma il football è cosi imprevedibile che a Green Bay tutti sperano in una finale da sogno.

New England Patriots-Indianapolis Colts - Nella notte italiana, i fan staranno cercando il modo migliore per gustarsi assieme il finale di stagione. Ritrovi, tailgating all’americana e qualche hot dog saranno già pronti per gustarsi anche New England contro Indianapolis. Storie? Quante ne vogliamo. New England rappresenta la Boston per bene, una dinastia tra le più forti di tutti tempi con in cabina di regia coach Bill Belichick, geniale inventore di schemi e giocate per il suo pupillo: Tom Brady. Marito di Giselle Bundchen e vincitore di tre anelli, il QB dei Pats guida una squadra fortissima. Tra tutti il Tight End, Rob Gronkowsky il gigante capace di correre e ricevere in ogni parte del campo i passaggi di Brady e l'altro ricevitore Edelmann, protagonista nella vittoria contro i Ravens di una giocata sensazionale creata proprio dall'allenatore di Boston. Brady è il Quarteback con più vittorie nei playoff e ormai a 37 anni è alla ricerca della consacrazione del 4° anello.

Indy venderà cara la pelle - Pronostico scontato anche qui? Forse ma Indy venderà cara la pelle. Difesa, difesa e difesa per fermare i Pats, ma anche tanta voglia di diventare grandi per i Colts, che in tre anni sono stati capaci di rifondare una squadra e ritrovare entusiasmo e voglia di vincere. Il merito? Sicuramente di coach Pagano alla guida di un gruppo di giovani capitanati da Andrew Luck, il quarterback unico tra i quattro a non avere mai vinto un Super Bowl e a non averci nemmeno giocato. In tre anni da rookie è diventato un professionista affermato. Un Brady più potente fisicamente e più versatile capace anche di correre. Sarà lui l’ago della bilancia? Piu tempo riuscirà a fare scorrere, più terrà in panchina Brady con il suo attacco, più le sue possibilità di diventare uno dei più giovani QB al Super Bowl si faranno concrete.

Qualsiasi cosa succeda, in Italia sarà notte inoltrata, in tanti avranno abbandonato il divano ma in tanti saranno ancora li, attaccati alla tv in attesa del passaggio lungo o della corsa decisiva o anche della giocata straodinaria di qualche atleta nascosto sotto qualche pigna di statistiche e pronto per un drive decisivo. Di certo, tutto si deciderà alla fine, all’ultimo gioco, come se fosse tutto già scritto. Anche se a decidere, questa volta, saranno gli attori.

Tutti i siti Sky