31 luglio 2015

Tom Brady, se il pallone sgonfio gonfia il portafogli

print-icon
spo

Tom Brady, quarterback leggendario di New England, incappato in uno scandalo sportivo

Il Commissioner della NFL, Roger Goodell, ha confermato in appello la squalifica. Quattro giornate di sospensione per la grave scorrettezza agonistica del QB dei Patriots. E l'America si divide su una leggenda: va punito?

Da qualche giorno l’America è divisa. Più che per le prossime presidenziali, più che sull’impiego delle truppe all’estero…. sui dei palloni sgonfi. Il caso Tom Brady ha focalizzato l’attenzione dei media (non solo sportivi) e di conseguenza di tutta l’opinione pubblica facendo prendere al caso dimensioni francamente spropositate rispetto alla sostanza.

Partendo dalla scoperta che il QB dei Patriots aveva chiesto e ottenuto durante la stagione da un addetto alle attrezzature della sua franchigia, alla prima distrazione degli arbitri, di prendere il sacco dei palloni e sgonfiarli lievemente, si è arrivati alla minaccia del ricorso alla Corte Federale, alla valutazione sulla legittimità dei poteri del Commissioner, al paragone con altre squalifiche per giocatori dopo abusi su mogli e fidanzate e al mettere persino in discussione la legacy dello stesso Brady.

Il Commissioner della NFL, Roger Goodell, ha confermato in appello la squalifica a Brady, quando in molti si aspettavano il contrario, e apriti cielo. Quattro giornate di sospensione. Quattro, curiosamente come i Superbowl vinti dal "Signor Bundchen". Punito giustamente per aver imbrogliato sul campo e aver successivamente mentito. Tra l’altro i tabulati telefonici avrebbero dimostrato che lo stesso Brady avrebbe distrutto il suo cellulare, sim compresa, per cancellare più tracce possibili degli sms sull’argomento.

Detto che si sta sempre comunque parlando di palloni sgonfi, la punizione da parte del Commissioner è assolutamente legittima, anzi fin troppo lieve. Brady ha organizzato in effetti una truffa, lieve quanto si vuole, ma a livello sportivo, sul campo. Lui simbolo vincente della NFL e anche di quei Patriots che hanno già una storia recente con più di una macchia, dal TE Hernandez dentro per omicidio, alla punizione ricevuta dalla Lega per essere stati presi a spiare tecnologicamente i segnali sulla sideline degli avversari in una partita di campionato contro i Jets.

Goodell non è amato da nessuno e questa è stata solo l’ultima occasione per criticarlo, ma resto convinto che abbia molta più giurisdizione su un fatto di campo come questo che se un giocatore (fatto ovviamente vigliacco, schifoso e vergognoso) picchia la moglie o la fidanzata. In quel caso deve intervenire la giustizia penale. Far sgonfiare i palloni invece in maniera fraudolenta per trarne vantaggio agonistico ha lo stesso concetto di partenza di chi usa sostanze proibite per trarne vantaggi sulla potenza  o la resistenza fisica.

Palloni molli come il doping? Estremizzando, sì! Questa vicenda, qualsiasi contromossa legale decida di intraprendere il numero 12 di New England, che pare abbia comunque optato per dare solo mandato al sindacato giocatori di rappresentarlo e non di ricorrere alla Corte Federale come annunciato in un primo momento, farà comunque sempre parte della storia agonistica di Tom Brady nella NFL. Non potrà mai intaccare l’immagine di uno dei più grandi quarteback di tutti I tempi perché la sua grandezza è indiscutibile, ma la storia del ragazzo scelto al draft col numero 199 e diventato uno dei giocatori più vincenti di sempre (e che ha sposato l’affascinante Gisele) avrà contorni meno fiabeschi.

L’opinione pubblica qui in America, a parte l’area di Boston, è molto divisa, ma il partito dei colpevolisti cresce. Probabilmente sarebbe più corretto definirli delusi. Brady intanto si prepara per la stagione e forse farà addirittura dei soldi da tutta questa faccenda. Sì con la storia del telefonino visto che, cosa assolutamente irrilevante, nel suo ultimo comunicato ha scritto che “la faccenda del mio cellulare è stata raccontata in maniera distorta poiché sono solo passato dal Samsung all’iPhone 6”. Sgonfiare i palloni e gonfiare il portafoglio sarebbe geniale.

Tutti i siti Sky