Berrettini dopo il ko con Djokovic: "Partita molto dura, ora un grande Wimbledon"

Tennis

Matteo Berrettini dopo la sconfitta nei quarti con Djokovic al Roland Garros: "E' stata una partita dura anche per Nole, lo dimostra il suo urlo alla fine. La pausa è stata deleteria, sono rientrato in campo di marmo. Ora voglio di più, punto a una semifinale. E voglio giocare un grande Wimbledon". Lo Slam di Londra in diretta su Sky Sport dal 28 giugno

BERRETTINI OUT IN 4 SET CON DJOKOVIC - SKY, UN'ESTATE DI GRANDE SPORT

Matteo Berrettini alza la posta e guarda avanti dopo il secondo quarto di finale Slam della carriera, perso a Parigi dopo quattro set e tre ore e mezza di battaglia contro il n°1 del mondo, Novak Djokovic. Il nono giocatore del mondo ha tenuto testa e messo in difficoltà il serbo, 18 Slam e 40 semifinali nei Major, come dimostra l'urlo disumano di fine partita. Il tutto al termine di una partita iniziata con il pubblico e finita nel silenzio, con 20' di interruzione all'inizio del quarto set che non ha certo agevolato l'azzurro. "Credo di aver giocato un gran primo set - ha detto in conferenza -. Ho avuto tre palle break, non lo ho sfruttate. Nole ha giocato un grande secondo set, rispondeva sempre. Io sono salito di livello nel terzo e nel quarto. C'è rammarico perchè ho perso in quattro set lottati con il n°1 del mondo. La pausa non mi ha aiutato, mi si sono bloccate le gambe e sono ripartito che ero di marmo. Sono più vicino rispetto a un anno e mezzo fa, sono più forte in tanti fondamentali. Sono andato bene anche con il rovescio, anche se ho sbagliato ovviamente. Sto continuando a migliorare e che sia stata una partita difficile per Nole lo si capisce dal suo urlo a fine partita". 

"La pausa è stata una vergogna, ma ci dobbiamo adattare"

"In tutta onestà quello che penso è che è stata una vergogna - ha spiegato Berrettini riferendosi all'interruzione del match per consentire al pubblico di lasciare lo Chatrier, come riporta SuperTennis -. Non mi è piaciuto per niente, ma credo anche che sia una questione più grande di noi, bisogna adattarsi. Speriamo che il Covid e tutte le spiacevoli situazioni che si porta dietro possano finire quanto prima. In quel momento mi sentivo molto bene, giocavo un buon tennis: fermarsi in quel modo non è certo stato quanto di meglio potesse succedere per il mio tennis. Anche fisicamente è stato un fattore e credo che non mi abbia aiutato. Quando sono rientrato in campo non ero più nella condizione di prima. Ma ripeto: noi giocatori di tennis dobbiamo sempre riuscire ad adattarci a ogni situazione, quindi la prossima volta cercherò di farlo meglio”.

"Voglio di più, punto a una semifinale"

Matteo Berrettini è diventato il primo giocatore italiano ad aver centrato gli ottavi di finale in tutti e quattro gli Slam: “Ne vado molto fiero, sono orgoglioso del mio team. Sono contento ma di certo non voglio fermarmi qui. Sono ancora giovane. E se penso a quando ho cominciato e mi riguardo indietro, con tutti gli infortuni patiti e i momenti difficili vissuti, mi rendo conto che questo sport ti spinge a cercare sempre di migliorarti. Per questo adesso punto a una semifinale. Voglio giocare un grande Wimbledon”. A Londra Matteo ha come miglior risultato gli ottavi del 2019, quando venne eliminato da Roger Federer. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche