Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
24 novembre 2011

Cuore e batticuore: perché sfuggono i casi alla Cassano

print-icon
ict

L'infografica che illustra l'origine del malore che ha colpito Antonio Cassano

Basterebbe un piccolo esame per scovare almeno 600 mila problemi cardiaci che sfuggono alla visita di idoneità sportiva agonistica. Lo ha scoperto uno studio italiano pubblicato dal British Journal of Sport Medicine. L'ecocardiogramma per evitare sorprese

FOTO: "Forza Antonio!": quanto amore per FantAntonio sul web - Campioni malati: gli sportivi che non mollano mai Quei campioni con il cuore matto

Il caso Cassano sembra diventare, di colpo, di stretta attualità Basterebbe infatti un piccolo esame per scovare almeno 600 mila problemi cardiaci che sfuggono alla visita di idoneità sportiva agonistica. Lo ha scoperto uno studio italiano pubblicato dal British Journal of Sport Medicine, che viene presentato al convegno Advances in Cardiac Electrophisiology che si apre il 25 novembre a Roma.

"Abbiamo esaminato più di 3 mila persone aggiungendo agli esami normali per l'idoneità anche l'ecocardiogramma, un test molto semplice, non invasivo e veloce - spiega Leonardo Calò, organizzatore del convegno e direttore del centro aritmologico del Policlinico Casilino di Roma - ed è emerso che il 10% di queste aveva delle anomalie cardiache impossibili da vedere con il solo elettrocardiogramma. Non tutte richiedevano un intervento immediato, ovviamente: molte sono patologie silenti, che presentano i sintomi magari dopo 20 anni, ma che è meglio conoscere e monitorare per tempo".

In Italia, ha spiegato alla conferenza stampa di presentazione del congresso Fabio Pigozzi, prorettore vicario dell'Ateneo Foro Italico e presidente della Federazione Internazionale di Medicina dello Sport, 6 milioni di persone si sottopongono ogni anno alla visita per l'idoneità agonistica: "Se si riuscisse ad aggiungere agli esami anche l'ecocardiogramma si otterrebbe un risparmio anche dal punto di vista economico - spiega Pigozzi - perché i costi iniziali, che comunque non superano le poche decine di euro, sarebbero ampiamente ripagati".