NBA, la polizia di Atlanta uccide un uomo afroamericano: le reazioni di Pierce e Kuzma

Altro

Nella notte di venerdì la polizia di Atlanta è intervenuta dopo la segnalazione della presenza di un uomo addormentato all'interno della sua auto. L'alterco seguito al tentativo di arresto, ha visto l'uomo - Rayshard Brooks - entrare in possesso dal taser di uno degli agenti: da qui il colpo di pistola esploso dalla polizia, rivelatosi fatale per l'uomo 27enne

Negli Stati Uniti (e nel mondo intero) non si è ancora spenta la eco per l’omicidio a Minneapolis di George Floyd che un altro uomo afroamericano di 27 anni, Rayshard Brooks, è stato ucciso nella notte di venerdì ad Atlanta, in Georgia, dopo uno scontro con le forze dell’ordine. La polizia è stata chiamata a intervenire appena dopo le 22.30 nel parcheggio di un Wendy’s (nota catena di fast food USA) per la presenza di un uomo, all’apparenza addormentato, all’interno della sua auto nel parcheggio, ostacolando il passaggio degli altri veicoli. Giunti sul posto, gli agenti hanno sottoposto Rayshard Brooks a una sorta di etilometro, che ha rivelato lo stato alterato dell’uomo afroamericano. Il sospettato in un primo momento ha resistito all’arresto portando così uno degli agenti a estrarre il taser, la pistola elettrica utilizzata per immobilizzare gli eventuali sospetti. Dalle prime ricostruzioni, sembrerebbe che durante l’alterco Brooks fosse riuscito a impossessarsi del taser (che ovviamente è un’arma non letale), generando la reazione degli agenti che a quel punto avrebbero sparato nei confronti dello stesso Brooks, ferendolo gravemente. La morte di Rayshard Brooks è arrivata dopo un disperato tentativo di operarlo d’urgenza presso un ospedale locale, tentativo però rimasto vano. Il poliziotto che ha sparato, Garrett Rolfe, è stato licenziato dalla polizia di Atlanta e il capo del dipartimento, Erika Shields, ha rassegnato le dimissioni.

"Vergognoso": il commento dell’allenatore degli Atlanta Hawks

Dopo aver già fatto sentire la sua voce sul caso George Floyd — la voce di un capo allenatore afroamericano nella NBA — il coach degli Atlanta Hawks Lloyd Pierce è stato tra i primi a commentare via Twitter (con una sola parola: “Vergognoso”) l’ennesimo caso di brutalità delle forze dell’ordine USA, che hanno portato alla morte di Rayshard Brooks. Il tweet di Pierce è arrivato a commento di un messaggio che ricordava come “dormire in un drive-thru non dovrebbe mai portare a una morte”. Non meno duro (anzi) il commento anche dell'ala dei Los Angeles Lakers Kyle Kuzma, che - pur senza citare direttamente l'ultimo dramma consumatosi ad Atlanta - sentenzia: "Vedo che gli animali vengono trattati meglio degli afroamericani. È un mondo davvero folle"

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche