Federciclismo, Cordiano Dagnoni è il nuovo presidente al posto di Di Rocco

Ciclismo
dagnoni federciclismo

Il 56enne milanese è il nuovo presidente della federazione ciclistica italiana. Finisce dopo 16 anni l'era Di Rocco. Dagnoni ha sconfitto al ballottaggio Silvio Martinello

Cordiano Dagnoni è il nuovo presidente della Federazione Ciclistica Italiana. Dagnoni, 56enne imprenditore milanese, con il 55,90% (128 voti)  ha vinto al ballottaggio contro Silvio Martinello, ex campione del ciclismo su pista e su strada, che si è fermato al 41,92% (96 voti). Il quorum era di 122 voti: presenti in assemblea 229 delegati su 243 aventi diritto divisi tra 184 affiliati, 19 per la quota atleti e 26 per quella dei tecnici. Alla prima votazione Martinello aveva ottenuto 84 voti (36,24%), Dagnoni 78 voti (34,06%), Isetti 68 voti (29,69%). Norma Gimondi, figlia di Felice, sarà uno dei tre vicepresidenti insieme a Ruggero Cazzaniga e Carmine Acquasanta, che sarà vicepresidente vicario. Dagnoni, presidente uscente del Comitato regionale lombardo, succede a Renato Di Rocco che aveva guidato la Federciclismo italiana dal 2005. "Sono veramente emozionato, adesso inizia il bello, inizia il lavoro vero e l'obiettivo principale è compattare questo movimento che merita davvero tanto", sono state le prime parole di Dagnoni da neoeletto presidente federale.

Chi è Cordiano Dagnoni

Cordiano Dagnoni è nato a Milano il 21 luglio 1964 ed è uno dei tre figli di Mario, figura di riferimento del mondo di ciclsimo. Imprenditore dell’azienda di famiglia nel campo meccanico. E' stato pilota di derny (conquistando 10 titoli italiani e 3 europei), ha una grandissima esperienza del ciclismo di base: consigliere e poi presidente del Comitato lombardo.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.