Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Dwyane Wade a Steph Curry: "Il giorno in cui mi sono guadagnato il rispetto di Kobe"

NBA

In un live su Instagram tra l'ex leggenda degli Heat e la superstar degli Warriors, Wade ha raccontato della volta in cui - affrontando con Miami i Lakers di Kobe Bryant - ha capito di essersi guadagnato il rispetto del "Black Mamba"

CORONAVIRUS: AGGIORNAMENTI LIVE

Comunicare live su Instagram è diventato uno dei modi più usati dai campioni NBA per restare in contatto, tra loro e con i tifosi di tutto il mondo. L’ultima chat a fare notizia è quella tra l’ex leggenda dei Miami Heat Dwayne Wade e Steph Curry (accompagnati per lunghi tratti dalle rispettive signore, Gabrielle Union e Ayesha Curry). Nel corso della chiacchierata, Wade ha rivelato a Curry il momento in cui — nei primi anni della sua carriera — ha sentito di essersi meritato e guadagnato sul campo il rispetto di Kobe Bryant: “Quando sono arrivato nella lega da fuori non la mettevo neppure nell’oceano, per cui la mia pallacanestro era fatta tutta di penetrazioni al ferro”, ricorda il n°3 degli Heat. “Poi però ricordo una partita contro i Lakers, e il mio duello contro Kobe: fu la prima volta che lui venne a difendere su di me a tutto campo. Fino ad allora mi aspettava sempre dietro la linea da tre punti, non aveva problemi a lasciarmi tirare. Quando ho visto che invece veniva a marcarmi a tutto campo, per evitare direttamente che io potessi ricevere il pallone, allora mi sono detto: ‘OK, ora ho il suo rispetto’. Il fatto che non volesse addirittura che io toccassi il pallone voleva dire che sapeva che o avrei segnato o avrei creato buone opportunità per i miei compagni”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.